ATENE 20 Settembre Set 2015 1755 20 settembre 2015

Elezioni in Grecia, i risultati in diretta

Syriza ottiene il 35,5%, Anel supera lo sbarramento: verso un nuovo governo con i nazionalisti. Nea Demokratia sconfitta, Alba Dorata terzo partito. Foto.

  • ...

La Grecia è tornata a votare domenica 20 settembre, per la quinta volta negli ultimi tre anni, dopo le dimissioni di Alexis Tsipras (foto).
Per Syriza, tallonata nei sondaggi da Nea Demokratia, la sfida sembrava essere quella di costruire una sinistra di governo, o perlomeno un'«alleanza progressista» in grado di conquistare la maggioranza dei seggi in parlamento. L'esito del voto, però, va in un'altra direzione. Il partito del premier dimissionario ha ottenuto infatti il 35,5% dei voti e 145 seggi, mentre gli ex alleati, i nazionalisti Greci Indipendenti, hanno raggiunto il 3,7% e hanno diritto a 10 seggi. Le due formazioni si avviano così a riproporre una coalizione in grado di reggere l'esecutivo, forti di una nuova maggioranza di 155 seggi su 300.

SYRIZA IN VANTAGGIO. Le urne sono rimaste aperte dalle 7 alle 19 ora locale, le 18 in Italia. Gli exit poll hanno subito dato in vantaggio Syriza, dato confermato dallo spoglio. Seconda Nea Demokratia con il 28%, terza Alba Dorata con il 6,9%. Sonora sconfitta per i «ribelli» di Unità Popolare, che non hanno superano la soglia del 3% e sono finiti fuori dal parlamento.
AFFLUENZA AI MINIMI STORICI: 51,75%. Sul voto ha pesato un livello clamoroso di astensionismo. L'affluenza, secondo i dati ufficiali del ministero dell'Interno, è stata del 51,75%, la più bassa dal 1946, quando andò a votare circa il 53% dei greci. A restare a casa soprattutto quei giovani che a luglio hanno sostenuto il 'no' al referendum e sono rimasti delusi dell'esito delle trattative con le istituzioni.
NUOVA ALLEANZA CON I GRECI INDIPENDENTI. I sondaggi condotti nell'ultima settimana escludevano la possibilità che Syriza potesse ottenere da sola i 151 deputati necessari a governare in autonomia, e ritenevano impraticabile la riproposizione di un'alleanza con i Greci Indipendenti, considerati a rischio di non superare la soglia di sbarramento. I risultati del voto, però, rendono non necessaria la pur ventilata apertura al Pasok e a To Potami. Il discorso di Alexis Tsipras ha chiarito il rebus: «Anel unirà le sue forze con noi, sotto la bandiera dell'onestà».

La delusione dei sostenitori di Nea Demokratia. Il leader Meimarakis ha riconosciuto la vittoria di Tsipras.

Liveblogging

22.06 - TSIPRAS: «UNA VITTORIA DEL POPOLO». «Vogliamo andare avanti, la crescita arriverà lavorando. Dobbiamo tornare alla crescita, ma dev'essere una crescita positiva, che aiuti tutti i soggetti deboli. Il popolo ellenico ci ha dato un mandato cristallino per chiudere con la corruzione, una seconda occasione per porre fine al regime. Anel unirà le sue forze con noi, sotto la bandiera dell'onestà. L'Europa non sarà più la stessa. Grazie a Panos Kammenos, abbiamo lottato insieme e domani continueremo la lotta». Così Alexis Tsipras nel suo discorso dopo la vittoria delle elezioni politiche in Grecia. Confermato quindi il rinnovo dell'alleanza di governo con i Greci Indipendenti.

21.55 - UNITÀ POPOLARE, CONSTANTOPOULOU: «ABBIAMO LOTTATO». Fa buon viso a cattivo gioco Zoe Constantopoulou, sul risultato elettorale di Unità Popolare: «Siamo orgogliosi di aver combattuto contro i poteri forti e per il popolo».

21.50 - TO POTAMI: «RESTIAMO ALL'OPPOSIZIONE». Theodorakis, leader di To Potami, ha detto in conferenza stampa che il suo partito resterà all'opposizione. La formazione ha raccolto il 3,9% dei voti, ma puntava ad arrivare al 10%.

21.27 - KAMMENOS: «AL GOVERNO CON TSIPRAS, ATTACCHEREMO GLI ASSASSINI». Il capo degli Inipendentisti Greci, Panos Kammenos, ha dichiarato che il suo partito formerà una «nuova coalizione» con Syriza e Tsipras primo ministro. «Attaccheremo i sondaggisti e gli assassini prezzolati», ha aggiunto Kammenos, probabile riferimento al delitto 'rivendicato' da Alba Dorata.

20.20 - SYRIZA E ANEL VERSO LA MAGGIORANZA, RIBELLI FUORI. Con il 37,34% dei voti scrutinati, la vittoria di Syriza appare più ampia di quanto aspettato. Il partito di Alexis Tsipras riuscirebbe a ottenere infatti 145 seggi, solo 4 in meno delle elezioni di gennaio, gli alleati nel primo governo Tsipras, i nazionalisti di Anel arriverebbero a 10 seggi, mentre i ribelli di Unità popolare non riuscirebbero a superare la soglia di sbarramento al 3% per entrare in parlamento.

19.47 - MEIMARAKIS RICONOSCE LA VITTORIA DI TSIPRAS. Secondo il quotidiano greco Kathimerini il leader dei conservatori Vangelis Meimarakis ha riconosciuto la vittoria di Syriza. «Nuova Democrazia è il pilastro della stabilità», ha spiegato il numero uno del centrodestra, ma «i risultati delle elezioni chiedono a Tsipras di formare il governo».

19.37 - PRIMI DATI UFFICIALI, SYRIZA DISTANZIA NEA DEMOKRATIA. Dati ufficiali sul 22,14% dei voti: Syriza aumenta il distacco sui conservatori con il 35,31%, i conservatori di Nea Demokratia al 28,19%, Alba Dorata al 7,29%.

I dati parziali pubblicati sul sito del ministero dell'Interno ellenico. 



19.25 - EXIT POLL, CRESCE IL VANTAGGIO DI SYRIZA.

Ecco gli exit poll aggiornati:

Syriza: 33-35%
Nea Demokratia: 28,5-30%
Alba Dorata: 7-8%
Pasok: 6-7%
Partito Comunista (KKE): 5,5-6,5%
To Potami: 4-4,5%
Unione dei Centristi: 3-4%
Greci Indipendenti: 3-4%
Unità Popolare: 2,5-3%

19.19 - PRIMI RISULTATI UFFICIALI: SYRIZA AL 34,9%. Secondo il ministero dell'Interno greco, Syriza si conferma primo partito con il 34,9% dei voti. Il link ai risultati.

18.45 - ALBA DORATA PRIMO PARTITO PER I DISOCCUPATI. Alba Dorata risulta essere il primo partito per i disoccupati greci. Secondo gli exit poll, all'interno di tale categoria sociale, i neonazisti avrebbero raccolto il 16,6% dei voti.

18.35 - GRECI INDIPENDENTI SULLA SOGLIA DI SBARRAMENTO. I Greci Indipendenti, il partito di destra che ha governato nell'ultima legislatura assieme a Syriza, secondo gli exit poll di Kapa Research si situano a cavallo della soglia di sbarramento per entrare in parlamento, tra il 3 e il 4%.

18.20 - PRIMI EXIT POLL: SYRIZA IN TESTA. Ecco i risultati dei primi exit poll.

Syriza: 30-34%
Nea Demokratia: 28,5-32,5%
Alba Dorata: 6,5-8%
Pasok: 5,5-7%
To Potami: 4-5,5%
Partito Comunista (KKE): 5,5-7%
Unità Popolare: 2,5-3,5%
Unione dei Centristi: 3,2-4,2%
Altri: 2,1-3,1%

18.05 - AFFLUENZA, POSSIBILE RECORD NEGATIVO. L'affluenza alle urne in Grecia potrebbe essere una delle più basse mai registrate nella storia del Paese ellenico dal 1946, addirittura sotto il 50%. Le urne si sono chiuse da pochi minuti e si attendono i dati ufficiali da parte del ministero dell'Interno.

Correlati

Potresti esserti perso