Grasso, politica maneggi con cura Carta
POLITICA 30 Settembre Set 2015 1906 30 settembre 2015

Senato, battaglia in Aula: opposizioni contro il 'canguro'

Il sì a un emendamento dem farebbe cadere gli altri. La Lega furibonda.

  • ...

Prosegue senza sosta in Senato la battaglia sulle riforme.
Il governo preme per fare in fretta, con la speranza di chiudere entro quel 13 ottobre indicato sin dall’inizio come deadline: nelle ultime ore, tuttavia, il fronte si è spostato sul ricorso ai voti segreti, che dovrebbero essere addirittura 19.
Tutte situazioni di potenziale difficoltà per l'esecutivo, tanto che il Partito democratico ha cercato immediatamente di correre ai ripari.
SFORBICIATA AGLI EMENDAMENTI. Il presidente Grasso, intanto, ha reso noto che saranno ammessi solo gli emendamenti riguardanti le parti riviste dalla Camera nei passaggi precedenti, bocciando quindi tutti quelli che prevedono l’abolizione diretta del Senato e quelli che introdurrebbero un 'supercanguro', cioè farebbero decadere automaticamente le richieste di modifiche troppo simili le une alle altre.
Ammessi al voto solo quelli che modificano o sopprimono il comma 5 dell'articolo, l'unica parte che è stata modificata dalla Camera in seconda lettura, e quelli che propongono di sopprimere l'intero articolo.
IL PD CONFIDA NEL CANGURO. Ma c’è un’altra novità, che ha visto il via libera del ministro Boschi, e che dovrebbe velocizzare l’iter. La maggioranza si appresta a chiedere che gli emendamenti all’articolo 1 presentati da Cocianicich e Finocchiaro siano messi in votazione assieme. Ovvero che i due testi vengono assorbiti in uno. In questo modo, con l’ok all’emendamento, scatterà automaticamente un 'canguro' che farà decadere quasi tutti gli emendamenti all’articolo 1, compresi i 19 per i quali è stata ammessa la votazione segreta.

CALDEROLI FURIBONDO. Una scelta che ha fatto infuriare Roberto Calderoli. «L’emendamento di Cociancich, sostituendo l’intero comma, fa decadere tutti gli altri. Questa a casa mia si chiama truffa. Siccome ieri sono stato accusato di fare politica abnorme, questa è la vera abnormità. Un attentanto alla democrazia».

Correlati

Potresti esserti perso