Isis Bandiera 770X544 150626134256
TERRORISMO 19 Ottobre Ott 2015 1916 19 ottobre 2015

Isis, 50 arresti in Turchia

Tra i fermati ci sarebbero 24 bambini, addestrati per andare a combattere in Siria. Erdogan, che ha chiuso gli occhi davanti alle basi in Siria, ora se le trova in casa.

  • ...

Una bandiera dell'Isis.

Proprio durante gli amichevoli incontri tra Recep Tayyip Erdogan e Angela Merkel sulla questione migranti, una notizia imbarazzante per il presidente turco ha messo in luce tutte le ambiguità del governo di Ankara sul conflitto siriano.
BASI DELL'ISIS A ISTANBUL. Il 18 ottobre la polizia turca ha condotto una maxi operazione con raid e perquisizioni in 18 siti a Istanbul arrestando 50 stranieri sospettati di avere legami con l'Isis.
Secondo i media locali si tratta di cittadini provenienti per lo più dall'Uzbekistan e dal Tagikistan diretti in Siria e Iraq, e l'autorevole quotidiano Hurriyet riporta che 24 dei 50 arrestati sarebbero bambini.
I sospettati avrebbero educato e addestrato i minorenni alle regole dell'Isis in appartamenti usati come campi militari.
LO STATO ISLAMICO SI MUOVE IN TURCHIA. Dopo la strage del 10 ottobre ad Ankara (102 morti e centinaia di feriti) di cui l'Isis è il primo sospettato, la polizia turca ha intensificato le operazioni anti-terrorismo nel Paese, dove è sempre più chiaro che gli uomini del Califfo si muovono con una certa libertà.
La scoperta dei campi d'addestramento, pur non provando in alcun modo un sostegno di Ankara allo Stato Islamico, dimostra come la politica ambigua di Erdogan verso le fazioni ribelli in Siria potrebbe alla fine ritorcerglisi contro.
ERDOGAN, UNA STRATEGIA RISCHIOSA. È impossibile provare legami diretti tra il governo turco e l'Isis, ma è indubbio che l'apertura dei confini verso la Siria - parte della strategia del premier turco per indebolire l'avversario Assad – ha trasformato la frontiera in quella che è stata definita un'“autostrada per jihadisti”.
I commentatori più critici verso Erdogan lo accusano da molto tempo di aver chiuso gli occhi mentre l'Isis poneva le sue basi in Siria. Adesso lo Stato Islamico le installa anche nel cuore della Turchia, che il Sultano lo voglia o no.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso