Comuni Anci 150409161547
SENTENZA 20 Ottobre Ott 2015 1909 20 ottobre 2015

Legge Severino, la Consulta rigetta il ricorso

Caso De Magistris, «infondata questione di legittimità».

  • ...

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

La Corte costituzionale ha rigettato come infondato il ricorso presentato sulla legge Severino e in particolare sulle norme relative alla sospensione degli amministratori locali condannati, anche in via non definitiva, per determinati reati.
La questione era stata sollevata nell'ambito del caso del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che ora è potenzialmente a rischio di una nuova sospensione in attesa del verdetto d'Appello dopo la condanna per abuso di ufficio in primo grado nell'indagine 'Why not'.
«INFONDATA QUESTIONE DI LEGITTIMITÀ». La Consulta ha giudicato «non fondata» la questione di legittimità costituzionale sollevata dal Tar della Campania e ha salvato del tutto la legge Severino.
La condanna in primo grado per abuso d'ufficio nei confronti di De Magistris riguarda l'inchiesta 'Why not', condotta dal sindaco di Napoli quando era ancora magistrato. La sentenza ne aveva determinato la sospensione da sindaco in base alla legge Severino. Poi il ricorso al Tar e il reintegro, in attesa del pronunciamento della Corte.
ANCHE DE LUCA RISCHIA. Anche i ricorsi del presidente della Regione Vincenzo De Luca andranno incontro alla sentenza. Lo scorso gennaio De Luca, all’epoca sindaco di Salerno, è stato condannato in primo grado per abuso d’ufficio in un’inchiesta sulla realizzazione di un termovalorizzatore.
La legge Severino lo aveva fatto decadere per alcuni giorni ma il Tar gli aveva dato ragione, reintegrandolo in attesa di una pronuncia definitiva della Corte Costituzionale. Lo stesso De Luca è stato poi eletto in primavera col Pd alla presidenza della Regione.
APERTO IL CASO-BERLUSCONI. È ancora aperta, infine, la vicenda Berlusconi, dichiarato decaduto da senatore proprio per gli effetti della legge Severino. Ma qui le novità sono attese dalla Corte di Strasburgo, le cui decisioni potrebbero avere un peso importante anche su future decisione della Consulta.
SOSPENSIONE DEI POLITICI CONDANNATI. La legge Severino, entrata in vigore alla fine del 2012, disciplina l’incandidabilità e la decadenza dei politici eletti e impone l’immediata sospensione dall’incarico nei confronti degli amministratori pubblici condannati anche solo in primo grado per una serie di reati, tra cui quelli contro la Pubblica amministrazione.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso