Renzi Sabelli 150317115929
IL MONITO 23 Ottobre Ott 2015 2110 23 ottobre 2015

Anm: Renzi sotto processo

Sabelli accusa: governo timido su corruzione, più attento a intercettazioni che a mafia.

  • ...

Il premier Matteo Renzi e il presidente dell'Anm Rodolfo Sabelli.

Lo scontro aperto dell'era dei governi Berlusconi non c'è più, ma i rapporti dei giudici con la politica sono tutt'altro che idilliaci: la tensione resta con una «dinamica meno accesa nella forma ma più complessa» e i magistrati si sentono vittime di una «consapevole strategia di delegittimazione», visto che sono stati dipinti come una «corporazione volta alla difesa dei propri privilegi».
SABELLI ACCUSA. Lo dice a chiare lettere il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Rodolfo Sabelli, aprendo a Bari il XXXII Congresso del sindacato delle toghe. Sabelli, che parla davanti al capo dello Stato - accolto da un grande applauso e che a sua volta si unisce ai battimani al termine della relazione del leader dell'Anm - non fa nomi, ma è chiaro che si riferisce alle polemiche che ci sono state tra il premier e il sindacato delle toghe sulle riforme del governo che hanno riguardato lo status dei magistrati (dal taglio delle ferie alla nuova disciplina sulla responsabilità civile).
Interventi «discutibili nel merito, nel metodo e nei tempi, che hanno preceduto persino quelli delle riforme, tuttora irrealizzate, del processo e dell'organizzazione».

Attaco al governo: timidi sulla corruzione, deludenti sulla prescrizione

Rodolfo Sabelli, presidente dell'Associazione nazionale magistrati.

La critica all'esecutivo è a tutto campo, pur con alcuni modesti riconoscimenti. Nelle norme per il contrasto alla corruzione c'è una «timidezza incoerente con la scelta di aumentare le sanzioni per alcuni reati comuni»: serve «più determinazione» e bisogna dotare magistrati e investigatori di «più penetranti strumenti di indagine e di prova».
La riforma della prescrizione è «deludente» perché non ha rimediato ai «guasti» della ex Cirielli; e sono insufficienti anche gli interventi sul processo penale: sono «disorganici» e anche se apportano alcune «migliorie», contengono novità in grado di produrre ulteriori «disfunzioni».
GIUDICI SENZA RISORSE. Il tutto mentre la situazione degli uffici giudiziari sta diventando insostenibile per le «gravi carenze» di risorse anche umane (manca il 70% dei cancellieri). Sabelli avverte la politica anche del rischio di subordinare la giustizia alle ragioni dell'economia; una prospettiva pericolosa che si fonda sull'idea che «a minori controlli» della magistratura corrisponda »una maggiore crescita» dell'economia, dice il leader dell'Anm, pensando alle tante inchieste, Ilva in testa, in cui si è manifestato più forte il contrasto tra diritti fondamentali, come quello alla salute, e le iniziative imprenditoriali.
LA FISSA PER LE INTERCETTAZIONI. Ma l'accusa che sembra bruciare di più, soprattutto alla maggioranza, è quella di dedicare alla limitazione della diffusione delle intercettazioni un' attenzione «persino maggiore» di quella dedicata alla mafia.

Padoan glissa la polemica e attacca la stampa

Un attacco a tutto campo, che il partito democratico al governo respinge in toto attraverso il responsabile giustizia David Ermini, che parla di critiche «ingenerose» e invita l'Anm «a non fare confusione», visto che «fino ad oggi né il governo né il parlamento hanno messo mano al sistema delle intercettazioni».
E il ministro Orlando - che domani sarà al Congresso dell'Anm - fa notare «i provvedimenti per contrastare criminalità organizzata e corruzione o sono stati già approvati o sono in un iter ben più avanzato dell'intervento sulle intercettazioni» e rivendica l'impegno del governo per l'organizzazione degli uffici giudiziari.
Mentre l'unico esponente dell'esecutivo Renzi ospite della giornata inaugurale del Congresso delle toghe e cioè il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, evita la polemica, parlando di titoli giornalistici che non corrispondono al contenuto effettivo della relazione di Sabelli, coglie l'occasione per ribadire che «le tasse devono scendere».
Prende le distanze dall'Anm il vice presidente del Csm Giovanni Legnini. «Bisogna essere equi nel valutare l'impegno del Parlamento» sul contrasto alla mafia e alla corruzione. Ma il più drastico con le toghe è il leader della Lega: «Sono i magistrati che, col loro agire, spesso si delegittimano».

Correlati

Potresti esserti perso