Renzi, via università da perimetro P.A.
NAZARENO 28 Ottobre Ott 2015 2215 28 ottobre 2015

Stabilità, Renzi: «Deve parlare agli italiani, non alla minoranza del partito»

Il premier annuncia un incontro con la sinistra dem. E difende le misure anti povertà.

  • ...

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Oltre all'affaire Marino - il sindaco di Roma dopo aver incontrato a sopresa Matto Orfini ha fatto sapere che sta ancora riflettendo sulle sue dimissioni - Matteo Renzi deve affrontare anche il nodo Stabilità.
L'INCONTRO CON LA MINORANZA DEM. «Martedì prossimo avremo un incontro politico sincero» con la sinistra dem, «perché non si possono mettere più soldi e avere un costante coro di polemiche da parte di una fetta della maggioranza, bisogna parlarsi con grande chiarezza e intendersi su che cosa è più di sinistra: discutere sul tetto ai contanti o mettere 700 milioni sulla povertà», ha detto il premier da Cuba, aggiungendo che la manovra «deve parlare alla maggioranza degli italiani, non alla minoranza del partito».
«COS'È PIÙ DI SINISTRA?» «Bisogna parlarsi con grande chiarezza», ha insistito Renzi, «entrando nel merito: è più di sinistra aver raddoppiato i soldi per la famiglie o passare le giornate a lamentarsi su presunti torti all'ideologia ugualitaria? È più di sinistra mettere i soldi sull'Ilva e su Gioia Tauro o fare riferimenti senza concretezza a necessarie misure per il Sud? Bisogna dirselo con chiarezza ma se la sinistra non rivendica i risultati che ci sta a fare?».
A chiedere un incontro con il premier era stato Pier Luigi Bersani. «Non ci sono luoghi di discussione», si era lamentato l'ex segretario Pd, ribadendo la necessità di un confronto sooprattutto sui tagli alla Sanità.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso