Francesco Paolo Tronca 151031123249
PROGRAMMA 31 Ottobre Ott 2015 1033 31 ottobre 2015

Tronca: «Il modello Milano va adattato a Roma»

Prime parole da commissario: «No agli schemi calati dall'alto». E Su Marino: «Non so se lo vedrò».

  • ...

Francesco Paolo Tronca.

Aspettando la notifica per la nomina, in programma il primo novembre, Francesco Paolo Tronca parla già da commissario di Roma.
E lo fa ridimensionando il confronto-dualismo con Milano e tenendo alla larga lo spettro di Ignazio Marino.
Un incontro con l'ex sindaco capitolino? «Non so», ha risposto il prefetto di Milano, spiegando di aver già fatto il commissario in altre città e « di non aver mai incontrato in nessuna di quelle occasioni il sindaco uscente».
«NO A MODELLI DALL'ALTO». Orgoglio e fiducia già manifestate la sera dell'investura sono state ribadite da Tronca dopo un colloquio con Renzi. Al termine del quale, il neocommissario ha lasciato intendere il suo punto di vista sul modello Expo che molti in queste ore hanno posto in primo piano. «Non mi piace parlare di un modello di Milano da esportare», ha detto, «di un modello che si cala così dall'alto. Bisogna prendere il meglio di tutta questa esperienza e adattarla a una realtà che è diversa». «Sarebbe presuntuoso», ha aggiunto Tronca, «adottare schemi a contesti diversi».
«EXPO MANIFESTO DELL'ITALIA». Quel che è certo, tuttavia, è che con con Expo «abbiamo dimostrato che l'Italia è a livello di eccellenza. All'estero non pensavano che potessimo realizzare un evento di questo tipo».
«LA MAFIA SI BATTE ANCHE CON LA PA». Attraverso Expo, Milano «è stata laboratorio di buone pratiche di una pubblica amministrazione sempre più efficiente». La stessa pubblica amministrazione attraverso la quale «è possibile combattere la mafia e colpire gli interessi economici in modo duro e secco».
«TROPPO PRESTO PER FARE NOMI». E sul sub commissario per Roma: «Ho in mente qualcosa ma occorrono delle verifiche. Vedremo come si svilupperanno e proporrò dei nomi al prefetto». Mentre sulla possibilità di arruolare Lettighieri, direttore generale di Expo, Tronca ha aggiunto: «Non ho pensato a qualche nome specifico, ma ad ambiti da cui attingere professionalità utili».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso