Renzi Luca 150529162942
POLITICA 13 Novembre Nov 2015 1625 13 novembre 2015

Renzi: «De Luca avanti se capace». Come ha fatto Marino?

Una frase già sentita con l'ex sindaco di Roma. Così il premier avverte il presidente campano.

  • ...

Matteo Renzi con Vincenzo De Luca.

Le parole di Matteo Renzi nei confronti di Vincenzo De Luca non suonano nuove.
Quel «lavori se capace» a commento dell'indagine sul governatore campano ricorda l'avvertimento del premier all'ex sindaco di Roma Ignazio Marino.
«Vada avanti solo se ne è capace», disse infatti Renzi poco tempo prima del terremoto in Campidoglio e delle dimissioni di Marino.
DIRITTO-DOVERE DI GOVERNARE. Secondo il presidente del Consiglio, ora la magistratura «deve fare il suo corso, noi abbiamo molta fiducia verso i magistrati e al tempo stesso De Luca ha la titolarità, il diritto e il dovere di governare».
«ATTI GIUDIZIARI? NE PRENDEREMO ATTO». Renzi si è detto «assolutamente certo che il mandato sia pieno», ma poi ha chiarito: «De Luca lavori se capace. Se ci saranno atti giudiziari ne prenderemo atto».
INDAGINE PER CORRUZIONE. Insomma, l'inchiesta della procura di Roma rischia di costare cara a De Luca, indagato insieme all'ex capo della sua segreteria Carmelo Mastursi con l'ipotesi di reato di corruzione per induzione.
L'indagine coinvolge anche il giudice del Tribunale civile di Napoli, Anna Scognamiglio (relatrice nell'ordinanza collegiale che ha accolto il ricorso contro la sospensione di De Luca in base alla legge Severino) e suo marito Guglielmo Manna.
LEGGE SEVERINO NEL PATTO DEL NAZARENO. Ad alzare la tensione ci ha pensato anche il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, il quale ha svelato che nel patto del Nazareno c'era un accordo per modificare la legge Severino.

Stanziati 50 milioni per Bagnoli e 150 milioni per la Terra dei fuochi

Matteo Renzi.

«Abbiamo voglia di sistemare la Campania», ha aggiunto Renzi al termine del Consiglio dei ministri che ha deciso di stanziare 50 milioni di euro per la bonifica di Bagnoli e altri 150 milioni per la Terra dei fuochi, con l'obiettivo di «eliminare con il sostegno di Anac in modo serio e rigoroso la piaga delle eco-balle».
RISORSE PER IL GIUBILEO. Il decreto prevede inoltre 150 milioni per il piano sul dopo-Expo e 200 milioni per Roma e il Giubileo. «Quando a dream team metteremo a disposizione di Gabrielli e Tronca tutte le risorse e le persone necessarie», ha detto Renzi.
OTTIMISMO SUL PIL. Infine il premier ha commentato i dati Istat sul Prodotto interno lordo aumentato dello 0,2% nel terzo trimestre: «Speravo nello 0,3% ma è il terzo trimestre positivo e il dato di fatto è che nell'ultimo anno il Pil è cresciuto dell'0,9%, una striscia molto positiva ma certo bisogna fare molto di più. Saremo felici quando il Pil sarà vicino al 2%».

Correlati

Potresti esserti perso