Matteo Salvini Marine 140528171915
ALLEATI 7 Dicembre Dic 2015 1700 07 dicembre 2015

Regionali Francia, le reazioni della destra italiana

Lega e Fdi celebrano il Front national. «Ora tocca all'Italia e all'Europa».

  • ...

Vince Marine Le Pen. Esulta la destra italiana. Il successo del Front national, che ha sfiorato il 30% al primo turno delle legislative francesi, proponendosi come il primo partito del Paese, ha rinsaldato le convinzioni di quei partiti che ambiscono a governare l'Italia. La gioia di leghisti e alleati è corsa su Twitter. «Grande Marine Le Pen», ha commentato Matteo Salvini, «cambia la Francia, cambieranno anche Europa e Italia».

L'intesa tra i due è nata in vista delle Europee del 2014 (http://www.lettera43.it/politica/lega-front-national-alleanza-per-le-europee_43675119973.htm), ed è ancora salda. Sebbene abbia lavorato sul linguaggio del Front national, arrivando a disconoscere e cacciare dal partito persino il padre Jean-Marie, Marine non sembra essere turbata dai toni spesso accesi usati da Salvini. «Mi manda in estasi», disse riferendosi al leader leghista dopo il boom del Carroccio alle Regionali del novembre 2014. (http://www.lettera43.it/politica/marine-le-pen-salvini-mi-manda-in-estasi_43675149488.htm) E ora che è lei a trionfare alle urne, non si dimentica dell'amico, a cui augura lo stesso successo.

Razzismo? Xenofobia? Macché. Front national e Lega sono «normali». È solo «legittima difesa». E chi pensa il contrario e un «imbecille».

Nelle file della Lega esulta anche Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia, che rilancia la sfida italiana.

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, parla di «terremoto per la politica europea».

La vittoria del Front natioanl è una vittoria del «popolo francese», l'inizio del «riscatto di popoli».

E se tanti analisti hanno commentato il successo del Front national come figlio della paura scatenata dagli attentati a Parigi del 13 novembre, per Giorgia Meloni «Le Pen vince perché coraggiosa contro irresponsabili».

Per Maurizio Gasparri, invece, si tratta del risultato di una semplice equazione: «Più sicurezza, meno immigrati». Esattamente la ricetta che lui vorrebbe anche per Forza Italia, che invece si attesta su posizioni più moderate, e resta più fredda nei confronti del Front national.

È esattamente quella moderazione che non piace a Francesco Storace, che celebra la vittoria di «una destra estremamente bella, netta, smoderata».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso