Matteo Renzi Maria 150421164628
POLITICA 15 Dicembre Dic 2015 1530 15 dicembre 2015

Salva-banche, le opposizioni tentano la spallata al governo

Centrodestra e M5s: mozione di sfiducia contro l'esecutivo e il ministro Boschi. Renzi: «Chi ha truffato pagherà».

  • ...

Matteo Renzi e Maria Elena Boschi nell'Aula del Senato.

Le opposizioni tentano la spallata al governo sul caso del decreto salva-banche.
Il centrodestra ha annunciato una mozione di sfiducia contro l'esecutivo, mentre il Movimento 5 stelle vuole giocare la stessa carta contro il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi (suo padre è stato vicepresidente di Banca Etruria per otto mesi).
«Il 16 dicembre presenteremo, tutto il centrodestra unito, alla Camera come al Senato, una mozione di sfiducia contro il governo. Boschi è solo una figlia di questo governo, una figlia in conflitto di interessi, ma chi ha i più grandi conflitti di interessi è il presidente Renzi», ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera.
RENZI: «CHI HA TRUFFATO PAGHERÀ». Il premier ha replicato in un'intervista a a Porta a Porta: «Chi ha truffato dovrà pagare e chi è stato truffato sarà risarcito. La mozione di sfuducia delle opposizioni? Sarà un autogol per loro, ma non lo dico perché devo difendere un membro del governo».
«IN SALVO 1 MILIONE DI CORRENTISTI». E ha aggiunto: «Io sono molto contento che il governo abbia firmato il dl. Stiamo parlando di 1 milione di correntisti e di 7.200 stipendi non pagati. È chiaro che c'è qualche migliaio di persone che accederanno ad un arbitrato e si vedrà che se hanno diritto a riprendere i soldi come io auspico».
SALVINI: «RENZI INFAME». Durissimo l'attacco del leader della Lega, Matteo Salvini: «Quell’infame di Renzi parla di sciacalli, ma la morte del pensionato è colpa sua», ha tuonato a La Zanzara su Radio24, riferendosi al suicidio di Luigino D’Angelo, il pensionato che si è tolto la vita dopo aver perso i suoi risparmi investiti in obbligazioni di Banca Etruria. «È un suicidio di Stato, ce l’ha sulla coscienza Renzi».
Salvini ha poi aggiunto: «Ci sono 150 mila derubati da risarcire, c’è un Palazzo, una casta che si chiude in se stessa, difende le banche, difende i ministri, i parenti dei ministri, votando decreti in evidente conflitto d’interessi».
GRILLINI ALL'ATTACCO. Il Movimento 5 stelle insiste invece nella sua lotta contro Boschi chiedendo un voto in Senato, dopo quello alla Camera, «pur nella convinzione che in realtà il ministro dovrebbe dimostrare un minimo di rispetto nei confronti degli oltre 10 mila risparmiatori truffati e fare un passo indietro dimettendosi».
PADOAN DIFENDE BOSCHI. Intanto il governo prova a fare quadrato attorno a Boschi: «Ne uscirà alla grande, non ha nulla da nascondere», ha detto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, il quale ha affermato di aver «piena fiducia in Bankitalia e Consob».

Correlati

Potresti esserti perso