Sala 160207235456
CANDIDATO 7 Febbraio Feb 2016 2300 07 febbraio 2016

Beppe Sala, profilo del manager che vuole Palazzo Marino

Bocconiano. Ex direttore generale con la Moratti. Uomo dei poteri forti. Chi è il vincitore delle Primarie Pd a Milano.

  • ...

Giuseppe Sala.

Ha vinto l'uomo dei poteri forti.
Il candidato tutto stipendi e poltrone, con l'ombra del conflitto di interessi per l'incarico in Cassa depositi e prestiti.
Ha dovuto sforzarsi di apparire «di sinistra», ma alla fine mister Expo ce l'ha fatta, anche grazie alla divisione dei suoi avversari.
Le Primarie 2016 del Partito democratico a Milano hanno incoronato Giuseppe Sala, che l'ha spuntata su Francesca Balzani, Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta.
DAL PRIVATO AL PUBBLICO. Un manager che è passato dal mondo delle imprese al pubblico: prima come direttore generale del Comune di Milano con l'Amministrazione di Letizia Moratti, poi come commissario di Expo 2015 e ora come candidato a Palazzo Marino.
Nato a Milano, classe 1958, interista, sposato con Dorothy De Rubeis, avvocato specializzata in diritto bancario e finanziario, Sala si è laureato all'università Bocconi nel 1983, a 25 anni.
PIRELLI E POI TELECOM. Ha iniziato la sua carriera alla Pirelli.
Nel 1998 è diventato amministratore delegato della società Pneumatici Pirelli e tre anni dopo senior vice president operations, cioè responsabile delle strutture industriali e logistiche del Tyre Sector della Pirelli.
Poi Marco Tronchetti Provera lo ha chiamato in Telecom, dove nel 2003 è messo a capo di Telecom Italia Wireline, cioè della rete fissa.
BUONUSCITA DA 5,6 MILIONI. Da direttore generale si è però dimesso nel 2006 in un momento di tensione con l'ad Riccardo Ruggiero.
Con uno stipendio e una buonuscita di tutto rispetto: 5,6 milioni di euro.
Dal dicembre del 2007 al dicembre 2008 è stato presidente della Medhelan Management & Finance e senior advisor di Nomura.
Poi è arrivata la chiamata di Letizia Moratti, all'epoca sindaco di Milano.
PIACE ANCHE A BERLUSCONI. E così Sala, che può contare sulla stima di Bruno Ermolli presidente di Promos e consulente di Silvio Berlusconi, a gennaio 2009 è diventato direttore generale del Comune.
Poco più di un anno dopo, a giugno 2010, è stato nominato amministratore delegato della società Expo 2015, in un momento delicato, quando ancora dovevano essere acquistati i terreni dove costruire i padiglioni dell'esposizione universale.
COMMISSARIO UNICO DI EXPO. Il 6 maggio 2013 i suoi compiti sono stati aumentati: il premier Enrico Letta lo ha nominato commissario unico delegato del governo per Expo.
E con questo doppio ruolo ha affrontato la bufera che ha investito l'esposizione, dagli arresti ai ritardi.
La scommessa di Expo si è chiusa però con oltre 21 milioni di biglietti venduti.
Dopo la fine dell'esposizione l'annuncio della candidatura con il sostegno di buona parte del Pd, ma non di tutto.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso