Renzi 160402224927
POLITICA 2 Aprile Apr 2016 2239 02 aprile 2016

Renzi: «Marchionne ha fatto di più di certi sindacalisti»

Il premier: «Per me è di sinistra chi crea lavoro». Sulle trivelle: «Giusto lasciarle in funzione».

  • ...

Il premier Matteo Renzi durante il suo intervento a Classe Democratica, scuola di formazione politica del Pd.

Matteo Renzi si schiera con Sergio Marchionne e per poco non lo chiama 'compagno'.
A Classe Democratica, scuola di formazione politica del Pd, afferma di preferirlo a «certi sindacalisti», perché «per i lavoratori ha fatto di più lui, hanno fatto di più alcuni imprenditori che certi sindacalisti», per l'appunto.
L'EPOPEA CHRYSLER. La Chrysler «era finita», ha spiegato il segretario del partito alla platea di giovani venuti ad ascoltarlo, «Obama ci ha messo soldi perché i presidenti di sinistra credono negli investimenti pubblici e Marchionne l’ha rimessa in moto. Oggi le Jeep vengono fatte in Basilicata e per me è una cosa bellissima».
«LA SINISTRA HA RESPINTO GLI IMPRENDITORI». Il premier ha aggiunto che per lui «è di sinistra chi crea lavoro. Non arrivo a dire il 'compagno' Marchionne, ma se vuoi Paesi in cui ci sono fabbriche devi avere imprenditori che ci credono e questo atteggiamento purtroppo in Italia la sinistra l’ha respinto».
OK ALLE PERFORAZIONI ENTRO LE 12 MIGLIA. Chiuso il capitolo Marchionne, il presidente del Consiglio di ritorno dagli Stati Uniti ha preso di petto il referendum sulle trivelle, in programma il 17 aprile: «Si può discutere sul non fare impianti entro le 12 miglia, ma credo sia giusto dove ci sono questi impianti mantenerli in funzione».
LIBIA, «UN PASSETTINO È TANTA ROBA». Infine, un accenno alla Libia: «Il passettino in avanti fatto in Libia è tanta roba, per mesi ci hanno fatto credere che dovevamo bombardare. Una follia, noi abbiamo tenuto dritta la barra e oggi il tentativo delle Nazioni Unite di creare un governo ha fatto un passettino in avanti».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso