Frontex Nuovo 160406120117
FRONTIERE 6 Aprile Apr 2016 1128 06 aprile 2016

Frontex, nel 2015 record degli attraversamenti

Il rapporto dell'agenzia che controlla i confini esterni: 1,82 milioni di passaggi illegali nell'ultimo anno. Aumenta il numero dei trafficanti. «Due terroristi di Parigi tra i migranti irregolari».

  • ...

Frontex è l'agenzia dell'Unione europea che controlla le frontiere esterne.

Frontex, l'agenzia per il controllo delle frontiere esterne dell'Unione europea, segnala che il 2015 è stato un anno record per gli attraversamenti «illegali». In tutto, nel corso dell'ultimo anno, i Paesi membri dell'Unione hanno infatti segnalato 1,82 milioni di passaggi. Una cifra record, che supera di sei volte il precedente del 2014, e comprende anche i movimenti dei profughi siriani e afghani.
CONTATI PIÙ VOLTE. Gran parte dei passaggi illegali di frontiera viene contateggiata quando i migranti arrivano sulle isole greche dalla Turchia. Poi però vengono contati di nuovo, quando si ripresentano ad un'altra frontiera dell'Unione europea dalla rotta balcanica. Frontex stima quindi che in Europa, di fatto, sia giunto un milione di persone attraversando la frontiera senza documenti in regola.
LE ROTTE: MEDITERRANEO ORIENTALE E BALCANI. La maggior parte delle segnalazioni (885.400) viene dalla rotta del Mediterraneo orientale (isole greche ed Egeo). Più del 90% di esse (803.000) è stata segnalata nella seconda metà del 2015. I siriani sono la maggior parte, anche se gli afghani sono aumentati in modo significativo. Circa 764.000 segnalazioni vengono dalla rotta balcanica, soprattutto dal confine serbo di Ungheria e Croazia.
CRESCE IL NUMERO DEI TRAFFICANTI. Nel 2015 è diminuito invece il numero di arrivi dalla rotta del Mediterraneo centrale, scendendo a 154.000. In gran parte, spiega Frontex, il fenomeno è dovuto al fatto che i siriani si sono spostati sulla rotta orientale. È aumentato invece il numero dei gommoni usati sulla rotta centrale. Con l'aumento dei migranti è aumentato anche il numero dei trafficanti: quelli segnalati sono saliti a 12.000 lo scorso anno. La maggior parte sono marocchini, spagnoli, albanesi e siriani.
DUE TERRORISTI DI PARIGI HANNO SFRUTTATO I FLUSSI. Per quanto riguarda i rischi legati al terrorismo, secondo Frontex gli attacchi di Parigi del 13 novembre «hanno chiaramente dimostrato che i flussi di migranti irregolari possono essere utilizzati dai terroristi per entrare nell'Unione europea».
Due dei terroristi coinvolti nelle stragi cha hanno colpito la capitale francese «erano in precedenza entrati nell'Unione europea attraverso Leros, presentando alle autorità greche falsi documenti siriani», precisa l'agenzia.

Correlati

Potresti esserti perso