PROTESTA 11 Aprile Apr 2016 1640 11 aprile 2016

Lega Nord, Salvini contestato all'Aquila

Un gruppo di giovani contro l'europarlamentare in visita alla città colpita dal terremoto nel 2009. «Sciacallo». «Non ti vogliamo». E lui risponde coi baci. Foto.

  • ...

Un'accoglienza ostile e l'accusa di sciacallaggio politico sul sisma che ha stravolto la città nel 2009.
È stato questo il saluto che ha rivolto un gruppo di ragazzi dell'Aquila al leader della Lega Nord Matteo Salvini, in visita l'11 aprile 2016 nel capoluogo abruzzese (guarda le foto).
Di fronte a palazzo Fibbioni, nel cuore del centro storico, i giovani hanno esposto tra l'altro un cartello con la scritta 'Salvini, L'Aquila non ti vuole', firmato #maiconsalvini.
Dirigendosi verso la sede del Comune l'europarlamentare inviava baci ai contestatori, come pure i suoi accompagnatori.
A quel punto dalla folla è partito il grido «sciacallo!» e la comitiva di Salvini ha applaudito.
«MA QUANTE VITE CI METTONO?». Una contestazione che non ha impedito al numero 1 del Carroccio di fare campagna elettorale sul tema del terremoto: «Il Comune non è neanche lontanamente in grado di gestire una roba del genere. Inutile uscire dall'emergenza se non sei in grado di farlo», ha detto.
Il segretario regionale della Lega in Abruzzo, Paolo Arrigoni, gli ha spiegato che «alcuni professionisti hanno in mano oltre 700 progetti».
E Salvini ha esclamato: «Ma quante vite ci mettono?».

  • La contestazione a Matteo Salvini in visita all'Aquila. ©Daniele Scopigno

Articoli Correlati

Potresti esserti perso