Brennero 160412140147
FRONTIERE 14 Aprile Apr 2016 2106 14 aprile 2016

Migranti, l'Austria prepara una barriera al confine con l'Ungheria

Vienna annuncia misure straordinarie sulla frontiera orientale. E si dice pronta a «chiudere completamente» il Brennero.

  • ...

Le prime immagini della costruzione della barriera sul Brennero.

Nonostante le continue rassicurazioni a livello istituzionale, Vienna va avanti con la linea dura sui profughi, con due nuovi segnali a Roma e Budapest: annuncia la possibilità di chiudere completamente il Brennero e nello stesso giorno la costruzione di una nuova barriera, stavolta lungo il confine ungherese. Due, secondo l'Austria, i pericoli da scongiurare: un Tirolo trasformato in 'sala d'attesa', se il comportamento italiano non fosse abbastanza 'rigoroso' sulla gestione dei migranti in arrivo dal Mediterraneo; e gli effetti di una tendopoli per rifugiati a Koermend, in Ungheria.
«IL TIROLO NON SARÀ UNA SALA D'ATTESA». Per il governo austriaco è stato il ministro della Difesa, Hans Peter Doskozil, ad affermare all'Apa: «Se l'Italia continuasse a far passare i profughi e non prendesse indietro i respinti, chiederemmo di poter controllare anche sul suo territorio». Il Tirolo, ha avvertito, non deve trasformarsi «in una sala d'attesa».
GENTILONI: «UN MURO SAREBBE GRAVE». La risposta italiana, affidata al ministro degli Esteri Gentiloni, è stata immediata: la chiusura dei confini «sarebbe un brutto segnale per l'Europa». «Vedremo di cosa si tratta», ha aggiunto il titolare della Farnesina. «Se si trattasse di muri sarebbe grave, perché vorrebbe dire che si dimentica che i problemi vanno affrontati insieme e non certo, come ha ricordato il presidente della Repubblica, erigendo muri».
L'Italia spera che Vienna si fermi agli annunci. Ma in serata arriva anche la notizia dell'altra manovra austriaca: la preparazione nel Burgenland, ai confini con l'Ungheria, di una nuova barriera. Una misura approntata in vista dell'entrata in funzione del campo profughi a Koermend che dimostra una volta di più come le intenzioni dell'Austria per la stagione calda siano serie.

Legge sull'integrazione in Germania, ma la Merkel ringrazia l'Austria

Nelle stesse ore, a Berlino, si parla una lingua completamente diversa: il governo di Angela Merkel ha annunciato infatti il raggiungimento di un'intesa per la prima «legge sull'integrazione» del Paese. Un «passo storico», così viene presentato dai socialdemocratici, nella Repubblica federale, che nel 2015 è stata investita dall'esodo di 1,1 milioni di richiedenti asilo. Attenzione, però. Se in patria la cancelliera prende sacrosante misure d'integrazione, nel cortile di casa cerca di limitare i danni.
AMICHEVOLI COLLOQUI SULLA BARRIERA. Il ministro degli Esteri 30enne Sebastian Kurz è andato in visita a Berlino con il collega socialdemocratico Hans Peter Doskozil, neo ministro alla Difesa, per spingere anche i tedeschi a difendere la barriera con l'Italia.
I toni dei tedeschi, pur con dei distiguo, sarebbero stati «amichevoli» stando al comunicato ufficiale di Vienna.
Di più, a detta del ministro Kurz il colloquio con il ministro della Difesa tedesco Usurla von der Leyen, compagna di partito di Merkel, sarebbe andato «davvero molto bene, al di là di alcune divergenze c'è un comune il desiderio di ridurre i flussi».
«Non si commentano misure di altri Stati», ha liquidato la questione il portavoce di Merkel, Steffen Seibert.
GLI ALLEATI DI ANGELA TORNANO ALL'OVILE. Nel lungo vertice che ha portato all'intesa sull'integrazione, protrattosi fino a tarda notte, Angela Merkel e i suoi riottosi alleati sembrano aver d'improvviso ritrovato l'armonia perduta, con la cancelliera che promette di dare un futuro a chi potrà restare in Germania. Ci sono nuove agevolazioni per entrare nel mercato del lavoro, e centomila cosiddetti 'Ein-Euro-Jobs', misure pubbliche per facilitare quest'integrazione. Merkel ha anche sottolineato che i richiedenti asilo hanno doveri da rispettare: i corsi di integrazione sono obbligatori, e l'accesso dei rifugiati sarà velocizzato.
E ci saranno risposte forti per chi si macchia di reati. L'impegno del suo governo è «non solo registrare, ma integrare».
UNIONE CONTRO LA DESTRA POPULISTA. Un segnale di unità, dopo mesi di aspri scontri con Sigmar Gabriel e Horst Seehofer. Perfino lui, il ribelle bavarese che ha minacciato di portarla davanti alla Corte costituzionale se il numero dei migranti non fosse drasticamente ridotto, ha vestito i panni della colomba. Armonia necessaria: di fronte alla flessione registrata nei sondaggi di queste settimane dai grandi partiti nazionalpopolari, l'avanzata della destra populista di Afd può essere fermata soltanto se la politica si mostra ferma e coesa nell'affrontare i problemi e le ansie dei tedeschi.

Correlati

Potresti esserti perso