Il sindaco di Brescello si è dimesso
GIUSTIZIA 20 Aprile Apr 2016 1504 20 aprile 2016

'Ndrangheta, il governo scioglie il comune di Brescello

Il paese era già stato commissariato dopo le dimissioni del sindaco Marcello Coffrini rassegnate il 24 gennaio. A dare l'annuncio la Lega Nord in Regione.

  • ...

Il consiglio dei ministri scioglie il Comune di don Camillo e Peppone per «infiltrazioni mafiose». Brescello, in provincia di Reggio Emilia, era già stato commissariato dopo le dimissioni del sindaco Marcello Coffrini rassegnate il 24 gennaio. Il primo cittadino era stato scaricato dal Pd per aver definito Francesco Grande Aracri, fratello del boss della ’ndrangheta Nicolino, attualmente in carcere, «una persona gentile, tranquilla ed educata».
L'ANNUNCIO DELLA LEGA NORD IN REGIONE. A dare l'annuncio dello scioglimento la Lega Nord in Regione secondo cui «lo scioglimento per mafia è una vittoria di Ln che da anni sta conducendo una battaglia per la legalità» ma ancora manca il comunicato ufficiale.
È la prima volta che il provvedimento viene adottato in Emilia-Romagna.
Se confermato lo scioglimento, il paese non andrà al voto il 5 giugno perchè la legge prevede che il commissariamento duri almeno un anno.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso