Anna Rita Leonardi 160506212925
POLITICA 6 Maggio Mag 2016 1629 06 maggio 2016

Platì, si ritira la candidata sindaco del Pd

Leonardi rinuncia a correre nel Comune dove la 'ndranghtea la fa da padrona: «Non ci sono le condizioni»

  • ...

Anna Rita Leonardi tra Matteo Renzi e Graziano Delrio.

Presentata con grande enfasi da Matteo Renzi alla Leopolda, la candidatura di Anna Rita Leonardi a sindaco di Platì, centro della Locride ad alta densità mafiosa, alla fine non è andata in porto.
Platì è amministrata già da alcuni anni da un commissario prefettizio, perché in occasione delle ultime elezioni non erano state presentate liste. Nel turno amministrativo precedente, invece, non aveva votato la metà più uno degli elettori e, di conseguenza, le elezioni erano state annullate.
L'ANNUNCIO SU FACEBOOK. Renzi, insieme al Pd calabrese, sperava di ripristinare a Platì l'agibilità democratica, che nel centro della Locride manca ormai da molti anni. Adesso, però, a guastare i piani, è arrivato l'annuncio, concordato comunque con i vertici nazionali del partito, di Anna Rita Leonardi, con un post sul suo profilo Facebook, del suo ritiro dalla competizione elettorale. «Sono profondamente rammaricata» - ha scritto la giovane candidata del Pd - «di dover comunicare che non concorrerò alle elezioni a sindaco di Platì. Questo annuncio, inaspettato e improvviso, arriva dopo un anno di lavoro passato sul territorio e dopo un investimento reale e concreto da parte del Partito democratico, a partire da quello del nostro segretario nazionale. Giorni fa, a seguito di alcuni elementi emersi, sono stata convocata a una riunione a Roma e insieme ai vertici del partito abbiamo dovuto constatare che non c'erano più le condizioni politiche e di agibilità per svolgere serenamente la campagna elettorale».
NESSUNA SPIEGAZIONE. Tentare di saperne di più sui motivi che hanno indotto Anna Rita Leonardi a ritirarsi è inutile. La stessa candidata, per il momento, non vuole fornire ulteriori spiegazioni. «Nei prossimi giorni, con maggiore lucidità» - si è limitata a dire - «tornerò con ancora più chiarezza sui motivi che mi hanno imposto di farmi da parte». Ciò che si è appreso, comunque, èche il ritiro della candidata renziana non è da attribuire a minacce da parte degli ambienti criminali che da sempre tentano di influenzare un Comune come Platì, dalle vicissitudini travagliate e dove la democrazia rappresenta davvero un'utopia. La realtà dei fatti, molto più semplicemente, a quanto pare, è che Anna Rita Leonardi non avrebbe trovato persone disponibili a fare parte della lista che avrebbe dovuto sostenerla.
ESPERIENZA NEGATIVA A REGGIO. Anche perché Platì non è certo un centro dove una candidatura a sindaco può essere catalputata dall'esterno. Tanto più che Anna Rita Leonardi è di Reggio Calabria e proprio a Reggio viene da un'esperienza negativa alle ultime comunali, che il Pd tra l'altro ha vinto con la vittoria di Giuseppe Falcomatà, in occasione delle quali non era riuscita a farsi eleggere consigliere. A questo punto è pressoché escluso che il Pd a Platì decida di presentare un'altra candidata a sindaco. Unica aspirante alla carica, salvo novità dell'ultima ora, dovrebbe essere dunque Ilaria Mittiga, figlia dell'ex sindaco Francesco Mittiga, che si era candidato alla guida dell'ente in occasione delle elezioni in cui non si era raggiunto il quorum dei votanti.

Correlati

Potresti esserti perso