Luigi Maio 160420194620
INTENZIONI DI VOTO 6 Maggio Mag 2016 1406 06 maggio 2016

Sondaggi, M5s si avvicina al Pd

Si accorcia il gap tra i primi due partiti del Paese. E Di Maio pareggia con Renzi.

  • ...

Luigi Di Maio.

Il Partito democratico resta primo, ma il Movimento 5 stelle si avvicina. Si riduce a 2,4 punti percentuali, rispetto ai dati emersi il 29 aprile, il distacco tra le due forze in testa ai sondaggi Ixè sulle intenzioni di voto, realizzati in esclusiva per Agorà (Raitre).
Nella prima settimana di maggio, infatti, il Pd è passato dal 30,9% al 30,5%, mentre il Movimento 5 stelle balza di 1 punto dal 27,1% al 28,1%, registrando il valore più alto di sempre secondo l'istituto di Roberto Weber.
LEGA DAVANTI A FI. Tra gli altri partiti la Lega Nord si è attestata al 14,8% (-0,3%) mentre Forza Italia è cresciuta all'11,6% (+0,6%) e Sinistra Italia ha perso lo 0,4% passando dal 5,8% al 5,4%. Se si votasse adesso, l'affluenza sarebbe al 65%.
Ha continuato a scendere (-1% nell'ultima settimana), infine, la fiducia in Matteo Renzi che oggi è al 28%, la stessa di Luigi Di Maio (M5s).
Flessione di 1 punto anche per il governo negli ultimi sette giorni, al 26%.
Al comando, tra i leader politici, c'è sempre il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al 56%. Più in alto di tutti, come al solito, Papa Francesco, con l'85% di fiducia.
NAPOLI, MILANO, ROMA E TORINO VERSO IL BALLOTTAGGIO. Sul fronte delle amministrative a Napoli si disegna un ballottaggio tra Luigi De Magistris e il candidato del Movimento 5 Stelle, Matteo Brambilla. È infatti questo lo scenario previsto da Ixè, attraverso dati di Napolitoday.
Il sindaco uscente, infatti, oscilla tra il 38% e il 41%. Corsa a tre per andare al ballottaggio con Brambilla leggermente avanti (18-21%). A ruota Valeria Valente, candidata del centrosinistra (16-19%), e Gianni Lettieri, in corsa per il centrodestra (15-18%).
A Milano, secondo l'istituto Dempolis e il sondaggio realizzato per Otto e Mezzo, è gara equilibrata tra il candidato del Pd Giuseppe Sala, attestato tra il 38 ed il 42%, e Stefano Parisi, candidato unitario del Centro Destra, al 37-41%. Verso il ballottaggio anche Torino, dove l'ex sindaco Piero Fassino appare in forte vantaggio sull'esponente 5 Stelle Chiara Appendino.
MARCHINI GUADAGNA TERRENO. Acora più combattuta appare la sfida a Napoli, dove, a differenza di quanto rilevato da Ixè, sarebbe Lettieri ad andare al ballottaggio con De Magistris.
A Roma Alfio Marchini, per la sua trasversalità politica, sembra tornato competitivo dopo il ritiro di Bertolaso e la convergenza sul suo nome di Forza Italia.
Secondo la fotografia scattata ad un mese dal voto, con un consenso tra il 26 ed il 30%, a Roma andrebbe sicuramente al ballottaggio la candidata M5s Virginia Raggi.
Alle sue spalle, si profila per il Campidoglio una complessa partita a 3 tra Marchini, Giorgia Meloni e Roberto Giachetti, che otterrebbero oggi un consenso intorno al 20%.
«Lo scenario appare in costante evoluzione: pesa, nella Capitale, il clima di disaffezione dei cittadini verso la politica: meno di 1 cittadino romano su 2, il 47%, ha già deciso quale candidato sindaco votare. Oltre un terzo degli elettori, nella Capitale, è intenzionato a disertare le urne», ha spiegato il direttore di Demopolis Pietro Vento.

Correlati

Potresti esserti perso