Cozzoli Calenda 160517162642
GOVERNO 17 Maggio Mag 2016 1711 17 maggio 2016

Sviluppo, Calenda dà il via alle epurazioni

Calenda cambia staff. Il capo di gabinetto Cozzoli lascia. Come il consigliere Cospito e altri consulenti legati a Federica Guidi. Via Molise sul 'chi vive'.

  • ...

Vito Cozzoli, capo di Gabinetto dimissionario al Mise e Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico.

Quando ha lasciato il suo incarico di capo di gabinetto dello Sviluppo economico, Vito Cozzoli ha avuto parole al miele per Carlo Calenda: «Una guida autorevole e competente per una ripartenza decisa», una persona a cui «sono legato da un rapporto di profonda stima», un ministro che «saprà trasmettere nuova energia e linfa a una amministrazione chiamata a supportare i processi di innovazione e modernizzazione del comparto produttivo del Paese».
MALUMORI GENERALI. Secondo quanto risulta a Lettera43.it, però, la verità si nasconde dietro una facciata fatta di cortesia, sotto un tappeto ricamato con gentilezza.
Ed è quella di un capo di gabinetto molto stimato costretto a lasciare tra i malumori generali per il riordino del nuovo ministro, deciso a fare piazza pulita delle scelte di chi l'aveva preceduto e a sostituire gli uomini di Federica Guidi con i suoi.
Quando ha accettato di prendere in mano la patata bollente lanciatagli da Renzi, e di tornare al ministero in cui era stato viceministro per tre anni prima di venire mandato a ricucire i rapporti con Bruxelles, Calenda ha chiesto e ottenuto di poter riorganizzare lo staff.
FIGURA INGOMBRANTE. Il primo a farne le spese è stato Cozzoli, per due anni primo consigliere di Guidi, una figura apicale con credenziali potenzialmente ingombranti per un ministro appena insediatosi.
Un uomo di cui Calenda conosce bene le qualità e il carisma, per averci lavorato fianco a fianco, e che probabilmente riteneva un pericoloso 'rivale' interno.
Ma Cozzoli non è l'unico costretto a fare i bagagli. Con lui vanno via il consigliere diplomatico e un buon numero di consulenti.
L'aria che si respira in via Molise è quella del 'chi vive'. Uno stato d'allerta permanente in cui tutti gli uomini scelti dalla Guidi si sentono. Clima da epurazione nella più classica delle logiche da spoil system.

Cozzoli citato nelle intercettazioni ma non coinvolto dalle indagini

Federica Guidi.

Cozzoli non è coinvolto nella bufera che ha coinvolto il Mise, costringendo alle dimissioni dell'ex ministro accusato di usare il suo ruolo nel governo per promuovere emendamenti e finanziamenti che il compagno Gianluca Gemelli usava come biglietto da visita ora con la Total ora con i vertici della Marina militare.
Il nome del capo di gabinetto dimissionario risulta in un'intercettazione, citato da Nicola Colicchi, lobbista ex Finmeccanica, che parlando dei 5,4 miliardi da stanziare per il rifacimento della flotta navale tanto caro all'ammiraglio Giuseppe De Giorgi chiedeva a Gemelli se fosse possibile disturbare Cozzoli.
«Lascia perdere, veditela con Fede», la risposta di Gemelli.
CALENDA: «I GUAI NON C'ENTRANO». La conferma del fatto che i cambi dentro il Mise sono da ricondurre esclusivamente a logiche amministrative è arrivata dallo stesso Calenda: «Contrariamente a quanto riferito da alcuni organi di stampa, l'avvicendamento del capo di gabinetto del ministero dello Sviluppo economico Vito Cozzoli e del consigliere diplomatico del ministero Mario Cospito è conseguenza di scelte gestionali che nulla hanno a che fare con vicende giudiziarie», ha affermato.
«In entrambi i casi si tratta di validi funzionari che ho avuto modo di apprezzare e con cui ho collaborato nel mio precedente incarico di viceministro».
CONSULENTI SILURATI IN TRONCO. Cozzoli e Cospito vanno via perché Calenda ha altri piani. E così i consulenti che lavoravano col Mise da anni e che hanno scoperto il loro destino solo quando si sono trovati disattivato l'account di posta elettronica.
Nemmeno un messaggio, una lettera, un ringraziamento. Fuori dalla porta di servizio dall'oggi al domani.
Morto un ministro, se ne fa un altro. Con tutto ciò che ne consegue.

Twitter @_MagliaNera_ e @GabrieleLippi1

Correlati

Potresti esserti perso