Trump 160526223314
ELEZIONI 26 Maggio Mag 2016 2233 26 maggio 2016

Usa, Trump conquista la nomination: «Leader mondiali scossi? Bene»

Il candidato repubblicano ottiene la maggioranza dei delegati. Obama: «Tutti al G7 temono per le sue parole. Sfoggia ignoranza».

  • ...

Donald Trump e Barack Obama.

«Ignorante degli affari del mondo e sprezzante»: il presidente Usa Barack Obama lancia dal G7 giapponese il suo ennesimo affondo contro Donald Trump, nello stesso giorno in cui il tycoon, dopo l'anticipazione dell'Ap, annuncia trionfalmente di aver superato il numero magico di 1237 delegati per la nominaton repubblicana alla Casa Bianca, includendo l'impegno di voto di alcuni delegati 'unbound', non vincolati dal voto dei cittadini.
GOP ANCORA DIVISO. Una incoronazione non ancora ufficiale, e con lo speaker della Camera Paul Ryan che continua a rimandare il suo endorsement in attesa di una unità di partito 'vera, non presunta'. Ma che infonde una nuova spinta al re del mattone, il quale già promette come probabile vice una donna o un esponente delle minoranze e svela la sua svolta a favore dell'industria energetica tradizionale in barba ad ogni preoccupazione ambientale.
«I LEADER DEL G7 SCOSSI DA TRUMP». In passato il capo della Casa Bianca aveva già attaccato il magnate, ricordando che la presidenza degli Stati Uniti «non è un reality show», come quelli cui il miliardario era solito fare da mattatore. Ora usa per la prima volta un palcoscenico internazionale, quello del G7, dando voce ai timori che percorrono il mondo, in particolare nei paesi asiatici alleati degli Usa, dopo che Trump ha suggerito a Tokyo e Seul di dotarsi della bomba atomica per difendersi dalla Corea del Nord.
I leader del G7, ha riferito a margine del summit, «sono sorpresi dal candidato repubblicano. Non sono sicuri di quanto seriamente debbano prendere in considerazione le sue dichiarazioni, ma sono scossi dalle sue parole».
«NON PUÒ GARANTIRE SICUREZZA». «Per buone ragioni». ha proseguito, «perché un sacco delle proposte che ha fatto dimostrano sia l'ignoranza degli affari del mondo sia una attitudine sprezzante o un interesse nei tweet e nei titoli dei giornali piuttosto che in una riflessione profonda sulla politica da attuare per garantire la sicurezza e la prosperità dell'America e la stabilità del mondo».
TRUMP: «FANNO BENE AD ESSERE SCOSSI». «Se i leader del mondo sono scossi da me è una cosa buona», ha replicato il tycoon cavalcando la protesta anti establishment. Ma la prospettiva di Trump alla Casa Bianca e dell'affermazione di altri leader demagogici spaventa anche in Europa, come ha rivelato un controverso twitter di Martin Selmayr, braccio destro del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker: «G7 2017 con Trump, Le Pen, Boris Johnson, Beppe Grillo? Uno scenario horror che mostra bene che vale la pena di lottare contro il populismo».
Una esternazione che ha suscitato un vespaio di polemiche e reazioni, compresa quella via twitter dei 5 stelle: «Con Juncker 122 milioni di poveri, 26 milioni di disoccupati, un paradiso per le lobby e per scandali fiscali».

Correlati

Potresti esserti perso