Sindaco Parma Federico 160523184119
INDAGINI 27 Maggio Mag 2016 1549 27 maggio 2016

Parma, Pizzarotti in Procura per le nomine al Teatro Regio

Il sindaco M5s sentito dai magistrati per chiarire la sua posizione. È indagato per abuso d'ufficio. Sulla sospensione dal movimento: «Non mi ha contattato nessuno, forse aspettano le Comunali».

  • ...

Il sindaco di Parma Federico Pizzarotti è stato sentito dai magistrati per due ore negli uffici della Procura. L'incontro, fissato da giorni, era stato richiesto dallo stesso primo cittadino per chiarire la sua posizione nell'ambito dell'inchiesta sulla nomina dei vertici del Teatro Regio di Parma, indagini che vedono lo stesso primo cittadino parmigiano, assieme all'assessore alla cultura Laura Ferraris, iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di abuso d'ufficio.
«CHIARITI MOLTI ASPETTI». Attorno alle 16 il primo cittadino emiliano ha lasciato gli uffici di vicolo San Marcellino commentando: «Ho fatto il mio dovere. Ho chiarito molti aspetti di una situazione che sino ad ora era emersa solo in modo distorto. Sono infatti convinto che la procedura seguita per la selezione al Teatro Regio fosse assolutamente corretta».
Poi ha replicato alle accuse dell'opposizione che avevano chiesto un chiarimento nell'aula del consiglio comunale sulla vicenda Regio. «Era questa l'aula giusta per chiarire i fatti», ha sottolineato Pizzarotti, «non certo l'inquisizione del consiglio comunale o quella giornalistica».
RICHIESTA LA REVOCA DELLA SOSPENSIONE DAL M5S. Pizzarotti è sentito dal titolare dell'inchiesta, il pubblico ministero Giuseppe Amara, ed è stato accompagnato dal suo legale, l'avvocato Luisa Lupi, lo stesso che, nei giorni scorsi, ha redatto assieme al primo cittadino di Parma le controdeduzioni per fare revocare il procedimento di sospensione da parte dei dirigenti nazionali del Movimento 5 Stelle.
«Sulla mia sospensione non mi ha contattato nessuno», ha dichiarato, «anzi, ho letto che Di Maio dice che gli pare di non avermi sentito. Fa sorridere. In ogni caso attendiamo delle risposte. Spero che non si stia concretizzando l'ipotesi di aspettare dopo le amministrative. Non mi aspetto solamente una mail ma che ci sia un incontro. Arrivati a questo punto serve un incontro per chiarire quanto c'è da chiarire».

Correlati

Potresti esserti perso