Comunali 160603215448
ELEZIONI 5 Giugno Giu 2016 1746 05 giugno 2016

Comunali 2016, il voto città per città

A Roma scontro Giachetti-Meloni dietro a Raggi. A Milano sfida Sala Parisi. Lo spoglio città per città.

  • ...

La partita nelle cinque città più grandi sembra si concluderà in tutti i casi solo con il ballottaggio del 19 giugno. A Roma si assiste all'exploit del Movimento 5 Stelle con la Raggi che guarda dall'alto lo scontro Giachetti-Meloni. A Milano il duello sarà, come previsto, tra Beppe Sala e Stefano Parisi, mentre a Napoli e a Torino Luigi de Magistris e Piero Fassino hanno un buon margine dai secondi. A Bologna non è arrivata la vittoria scontata di Virginio Merola, che andrà al ballottaggio come gli altri.
LE METROPOLI DISERTANO LE URNE. I dati sull'affluenza dicono che in molti hanno aspettato la fine della giornata per andare alle urne. Il risultato definitivo è del 62,14%, di molto inferiore al 72% della precedente tornata elettorale. A Roma, dove alle 19 l'affluenza era a circa il 39%, alle 23 è passata al 58,42%, superando così la “rivale” Milano, che si ferma intorno al 55,91%. In ripresa anche Napoli, con il 58,37%, e Torino (58,44%). Bologna, la migliore delle 5, si assesta su un 60,16%, comunque sotto la media.

Il live

Roma, Giachetti e Meloni inseguono Raggi


Il sindaco uscente Ignazio Marino è caduto il 30 ottobre 2015, con le dimissioni di 26 consiglieri dall'Assemblea capitolina.
Da allora Roma è governata dall'ex prefetto di Milano, Francesco Paolo Tronca.
RAGGI FAVORITA. I favori delle proiezioni vanno alla candidata del Movimento 5 stelle, Virginia Raggi (intorno al 37%), e non è chiaro chi affronterà al ballottaggio, fra Giorgia Meloni (sostenuta da Fratelli d'Italia e Lega) e Roberto Giachetti del Partito democratico. Entrambi si aggirano intorno al 22%.
Alfio Marchini, appoggiato da Silvio Berlusconi al termine dell'affaire-Bertolaso, si aggira intorno al 10% dei voti, mettendo in mostra così le scelte richiose dell'ex Cav. Male anche Stefano Fassina di Sinistra italiana, riammesso in gara dal Consiglio di Stato. L'affluenza si è assestata al 58,42%.

01.50 - GIACHETTI ANCORA SECONDO. Secondo la sesta proiezione Tecnè per Mediaset, su un campione del 65% con un margine di errore del +/-1%, a Roma il candidato M5s Virginia Raggi è al 36% seguita da Roberto Giachetti al 22,3%. Giorgia Meloni si attesta invece al 21,6%, Alfio Marchini al 10,6% e Stefano Fassina al 4,8%.

00.51 - SORPASSO MELONI SU GIACHETTI. Secondo la prima proiezione (copertura 5%) Emg per La7 a Roma guida la candidata del M5S Virginia Raggi con il 36,3% seguita dalla candidata Fdi-Lega Giorgia Meloni al 23,3%. I due andrebbero così al ballottaggio mentre resterebbe fuori il candidato Pd Roberto Giachetti, che si attesta al 22,4%. In quarta posizione Alfio Marchini al 10,4%, seguito da Stefano Fassina al 5,5%.

00.40 - TESTA A TESTA PER IL SECONDO POSTO. In base alla seconda proiezione Ipr-Istituto Piepoli per la Rai, a Roma Virginia Raggi è al 37,3%, Roberto Giachetti al 22,6% e Giorgia Meloni al 21,8% mentre Alfio Marchini si attesta al 9,2%.

23.10 - A ROMA È SCONTRO MELONI-GIACCHETTI CONTRO RAGGI. In base al secondo exit poll di Ipr-Istituto Piepoli per la Rai, a Roma è in testa Virginia Raggi con il 34-38%, Roberto Giachetti segue con il 22-26%. I due candidati andrebbero al ballottaggio. Seguono Giorgia Meloni con il 20-24% e Alfio Marchini con il 7-11%.

19.46 - ALLE 19 AFFLUENZA AL 39,39%. È stata del 39,39% l'affluenza alle urne rilevata alle 19 a Roma, dove si vota per il sindaco e per il consiglio comunale.

18:30 - ALLE 12 14,12%. È stata del 14.12% l'affluenza alle urne rilevata alle 12 a Roma, dove si vota per il sindaco e per il consiglio comunale.

Milano, verso ballottaggio Sala-Parisi

Nella Milano del dopo-Expo si fronteggiano due candidati ''gemelli''.
A differenza di quanto accaduto nella Capitale, i tradizionali fronti di centrosinistra e centrodestra hanno retto al percorso di selezione dell'uomo forte, schierando rispettivamente Giuseppe Sala e Stefano Parisi. Secondo le proiezioni, i due sarebbero praticamente alla pari.
GLI ALTRI FUORI DAI GIOCHI. Gli altri contendenti in campo non sono stati in grado di disturbare i conducenti. Una parte della sinistra ha deciso di convergere sul presidente del Consiglio comunale uscente, Basilio Rizzo. Il candidato del Movimento 5 stelle è Gianluca Corrado, che è riuscito ad arrivare solo al 10% circa.
L'affluenza si è assestata al 55,91%.

01.40 - PD AL 28%. Secondo la terza proiezione sui partiti di Ipr-Istituto Piepoli per la Rai (copertura al 20%), a Milano a guidare è il Pd al 28,4%, seguito da Forza Italia al 18,2%, dalla Lega Nord al 12% e da M5S all'11,1%.

00.41 - SALA AL 42,6%. La seconda proiezione di Quorum per Sky, su un campione del 20%, indica che a Milano è in testa Giuseppe Sala con il 42,6% e Stefano Parisi è al 37,2%. Seguono Gianluca Corrado con il 12,1% e Basilio Vincenzo Rizzo con il 3,8% (altri al 4,3%).

00.29 - SALA 42%, PARISI 36%. In base alla seconda proiezione Tecnè per Mediaset, basata su un campione del 33% con margine di errore del +/- 1,5%, a Milano Giuseppe Sala è in testa con il 41,8% mentre Stefano Parisi è al 36%. Segue Gianluca Corrado con il 12% e Basilio Vincenzo Rizzo al 5,5%.

23.11 - BALLOTTAGGIO SALA-PARISI. Il secondo Exit poll Ipr Istituto Piepoli la Rai indica a Milano Giuseppe Sala in vantaggio al 39-43%, Stefano Parisi al 34-38%. Seguono Gianluca Corrado con il 9-13% e Basilio Vincenzo Rizzo al 3-5%.

19.51 - ALLE 19 AFFLUENZA AL 42,44%. È stata del 42,44% l'affluenza alle urne rilevata alle 19 a Milano, dove si vota per il sindaco e per il consiglio comunale.

18:30 - AFFLUENZA AL 15,56%. È stata del 15,56% l'affluenza alle urne rilevata alle 12 a Milano, dove si vota per il sindaco e per il consiglio comunale.

Napoli, bene de Magistris, male Valente

A Napoli il candidato favorito è il sindaco uscente Luigi de Magistris, appoggiato da liste civiche, da Sinistra italiana e da Possibile di Pippo Civati.
Le proiezioni lo danno saldamente in testa (40,7%) e proiettato verso il secondo mandato, ma probabilmente anche lui dovrà affrontare il ballottaggio.
Probabilmente contro il candidato di Forza Italia Gianni Lettieri (24,7%), ex presidente dell'unione degli industriali della provincia di Napoli.
LA VALENTE PER IL PD. Valeria Valente, vincitrice delle primarie Pd e rottamatrice di Antonio Bassolino con soli 500 voti di scarto, propone di tagliare le spese del Comune, vorrebbe recuperare il lungomare e investire su legalità e sicurezza.
Come a Roma, anche a Napoli la destra si presenta divisa: la Lega e una parte di Fratelli d’Italia appoggiano il deputato Marcello Taglialatela, mentre Forza Italia il già citato Lettieri.
Chiude il cerchio il Movimento 5 stelle, che schiera l'ingegner Matteo Brambilla, originario di Monza ma da anni trapiantato in città.
L'affluenza si è assestata al 58,31%.

01.55 - DE MAGISTRIS ANCORA IN VANTAGGIO. Secondo la prima proiezione Quorum per Sky Tg24, con copertura al 16%, a Napoli il sindaco uscente Luigi De Magistris è in testa con il 40,7%, segue Gianni Lettieri con il 24,7%. In base a questi dati i due candidati andrebbero al ballottaggio. Seguono poi Valeria Valente con il 20,7% e Matteo Brambilla con il 10,8%.

00.46 - DE MAGISTRIS AL 42,4%. In base alla seconda proiezione (copertura al 10%) Ipr-Istituto Piepoli per la Rai a Napoli in testa è il sindaco uscente Luigi De Magistris con il 42,4%, seguito dal candidato del centrodestra Gianni Lettieri al 24%. Entrambi, così, andrebbero al ballottaggio del 19 giugno. Seguono la candidata del Pd Valeria Valente al 20,5% e il candidato del M5S Matteo Brambilla al 10,4%.

23.13 - DE MAGISTRIS VOLA. Secondo l'exit poll definitivo Emg per La7 a Napoli è in testa Luigi De Magistris (39,5-43,5); segue Gianni Lettieri del centrodestra (21,5-25,5)). I due andrebbero al ballottaggio. Seguono Valeria Valente del Pd con 18-22% e Matteo Brambilla di M5s con 9-13%.

19.35 - ALLE 19 AFFLUENZA AL 37,99%. È stata del 37,99% l'affluenza alle urne rilevata alle 19 a Napoli, dove si vota per il sindaco e per il consiglio comunale.

18.30 - AFFLUENZA AL 15,20%. È stata del 15,20% l'affluenza alle urne rilevata alle 12 a Napoli, dove si vota per il sindaco e per il consiglio comunale.

Torino, Fassino avanti

Per la poltrona di sindaco di Torino corrono 17 candidati. Un record, che riguarda anche il numero delle liste in campo.
Ad avere le maggiori possibilità di vittoria sono però il primo cittadino uscente Piero Fassino (dato intorno al 40% dalle proiezioni), e la consigliera del Movimento 5 stelle Chiara Appendino (36 %). Entrambi godono dell'appoggio dei rispettivi stati maggiori, e cioè del presidente del Consiglio Matteo Renzi e del membro del direttorio pentastellato Luigi Di Maio.
C'È PURE L'EX FIOM AIRAUDO. In lizza ci sono altri 15 nomi, tra i quali spiccano l’ex segretario provinciale della Fiom e deputato di Sinistra italiana Giorgio Airaudo, l’onorevole di Forza Italia Osvaldo Napoli, il notaio sostenuto da Lega Nord e Fratelli d’Italia Alberto Morano, il centrista Roberto Rosso (perdente nel 2001 contro Sergio Chiamparino) e il comunista Marco Rizzo.
L'affluenza si è assestata al 58,4%.

01.57 - FASSINO IN LIEVE CALO. Secondo la terza proiezione di Ipr-Istituto Piepoli per la Rai, su un campione del 18%, a Torino Piero Fassino è primo con il 40,2%, seguito da Chiara Appendino con il 36,1%. Alberto Morano è al 6.9% e Roberto Rosso è al 4,2%.

00.38 - FASSINO AL 42%. Secondo la prima proiezione di Quorum per Sky su un campione del 9%, a Torino è in testa Piero Fassino con il 41,8%, seguito da Chiara Appendino con il 31,7%. Seguono Alberto Morano con il 9,8%, Osvaldo Napoli con il 4,8% e Giorgio Airaudo con il 4% (altri al 7,9%).

23.12 - FASSINO IN TESTA. Per il secondo exit poll Ipr-Istituto Piepoli (copertura campione 100%) per la Rai in testa a Torino c'è Piero Fassino, con una forbice 41-45% seguito da Chiara Appendino, con una forbice 28-32%. I due andrebbero quindi al ballottaggio. Seguono Alberto Morano al 4-8% e Basilio Vincenzo Rosso al 3-7%.

19.40 - ALLE 19 AFFLUENZA AL 41,31%. È stata del 41,31% l'affluenza alle urne rilevata alle 19 a Torino, dove si vota per il sindaco e per il consiglio comunale.

18.30 - AFFLUENZA AL 14,04%. È stata del 14,05% l'affluenza alle urne rilevata alle 12 a Torino, dove si vota per il sindaco e per il consiglio comunale.

Bologna, anche Merola al ballottaggio

A Bologna il sindaco uscente, Virginio Merola del Partito democratico, non è riuscito a chiudere la partita al primo turno.
Gli ultimi sondaggi lo davano in testa con il 49,8% dei consensi, ma secondo le prime proiezioni avrebbe ottenuto solo il 40,6%.
SECONDA BERGONZONI. Un sostegno comunque ampio, che in campagna elettorale gli ha consentito una certa libertà di manovra, anche nei confronti della dirigenza del suo partito.
Nella sempre più probabile eventualità di un ballottaggio, l'avversario più accreditato è la leghista Lucia Bergonzoni (al 20% circa), sostenuta anche da Forza Italia e Fratelli d'Italia, più avanti nelle proiezioni rispetto al candidato del Movimento 5 stelle Massimo Bugani (16,5%).

01.45 - MEROLA AL 37,4%. Secondo la prima proiezione di Quorum per Sky su un campione del 39%, a Bologna è in testa Virginio Merola con il 37,4%. Segue Lucia Borgonzoni con il 19,9%, a distanza da Massimo Bugani che è al 19,2%, mentre Federico Martelloni è al 7,6%.

23.19 - ANCHE MEROLA VERSO IL BALLOTTAGGIO. Il sindaco uscente Virginio Merola potrebbe andare al ballottaggio, come previsto per le altre quattro grandi città. Il candidato del centro sinistra sarebbe circa al 37%.

19.45 - ALLE 19 AFFLUENZA AL 46,44%. È stata del 46,44% l'affluenza alle urne rilevata alle 19 a Bologna, dove si vota per il sindaco e per il consiglio comunale. Sopra la media nazionale, al 46,01%.

18.30 - ALLE 12 AFFLUENZA AL 19,91%. È stata del 19,91% l'affluenza alle urne rilevata alle 12 a Bologna, dove si vota per il sindaco e per il consiglio comunale. Nelle precedenti omologhe si votò in due giorni.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso