Platì 160510190144
AMMINISTRATIVE 6 Giugno Giu 2016 1309 06 giugno 2016

Platì, eletto il primo sindaco dopo 10 anni

Eletto Rosario Sergi. Il Comune della Locride era commissariato dal 2006. Ma resta sotto osservazione della Commissione antimafia per anomalie in alcune candidature. Tra cui quella dello stesso primo cittadino. 

  • ...

Un sindaco eletto dopo dieci anni di gestione commissariale. Platì, centro della Locride di 3.800 anime considerato ad alta densità mafiosa, ha scelto come primo cittadino Rosario Sergi, che ha ottenuto 1.275 voti, con una percentuale del 63,4% e un'affluenza del del 50,12%. Sergi ha sconfitto Ilaria Mittiga, figlia dell'ex sindaco Francesco la cui amministrazione fu sciolta nel 2003 per infiltrazioni mafiose.
INFILTRAZIONI MAFIOSE. Platì è stata amministrata da alcuni anni da un commissario prefettizio prima per lo scioglimento per presunte infiltrazioni mafiose e poi perché, nelle successive elezioni comunali, in un caso non si era raggiunto il quorum previsto nel caso di un unico candidato sindaco e nel 2015 non erano state presentate liste.
IL RITIRO DI LEONARDI. Nelle settimane scorse si era ritirata dalla competizione elettorale Anna Rita Leonardi, la cui candidatura era stata presentata alla Leopolda dal premier Matteo Renzi. Leonardi aveva deciso insieme ai vertici del Pd di non partecipare «per la venuta meno delle condizioni politiche per svolgere serenamente la campagna elettorale».
SOTTO OSSERVAZIONE. Il comune resta comunque sotto osservazione da parte della Commissione parlamentare antimafia, che ha rilevato anomalie in alcune candidature tra cui quella dello stesso Sergi.
DUE SINDACI UCCISI. Negli Anni Settanta e Ottanta le famiglie borghesi lasciarono il paese lasciandolo in mano alle famiglie di 'ndrangheta. Nel 1985 fu ucciso il sindaco Domenico Natale De Maio, vittima di un agguato automobilistico sulla strada provinciale che conduce dalla marina al centro aspromontano. L'anno successivo la mafia fu la volta dell'ex sindaco Francesco Prestia e della moglie, trucidati nella loro casa.
LO SCIOGLIMENTO DEL 2006. Il 16 luglio 2006 il comune di Platì fu sciolto per condizionamento mafioso e fu insediata una commissione straordinaria fino al giugno del 2009. La commissione straordinaria ha intitolato la Piazza del Municipio al sindaco De Maio. Dopo le elezioni del 2009 l'amministrazione comunale è stata dapprima commissariata nel 2011 per dimissioni del sindaco, per poi essere sciolta per condizionamento mafioso il 23 marzo 2012 e gestita da una commissione straordinaria dopo il fallimento delle elezioni del 26 maggio 2014. In quell'occasione era stata presentata un'unica lista capeggiata dall'ex sindaco colpito dallo scioglimento per mafia del 2006 ma non aveva raggiunto il quorum del 50%, fermandosi al 24%.

Correlati

Potresti esserti perso