Istanbul 160607090426
TERRORE 7 Giugno Giu 2016 0904 07 giugno 2016

Istanbul, bomba contro bus della polizia

Almeno undici morti e 36 feriti in un attentato contro le forze dell'ordine nel centro della città turca. Quattro persone fermate.

  • ...

Il bus della polizia colpito dall'esplosione.

Almeno undici persone sono morte e altre trentasei sono rimaste ferite nell'esplosione di una bomba scoppiata nel centro di Istanbul, al passaggio di un bus con a bordo agenti della polizia antisommossa. Sette delle vittime sarebbero membri delle forze dell'ordine. L'ordigno è esploso vicino a un incrocio trafficato, nei pressi di un'università e di una fermata dell'autobus, proprio nel momento in cui passava il bersaglio.
Quattro persone sono state fermate e sono attualmente sotto interrogatorio. Secondo l'agenzia di stampa privata Dogan, i quattro sono stati fermati per aver noleggiato l'auto usata per l'attentato.
L'ENNESIMO ATTENTATO. La Turchia è in perenne stato d'allarme dopo una ormai lunghissima serie di attentati, di cui due dell'Isis solo quest'anno e due di militanti estremisti curdi (una frangia del Pkk) ad Ankara.

  • La scena dell'attentato.

Data la tipologia del bersaglio, istituzionale, la pista più probabile sembra proprio quella che porta al Kurdistan.
Il Pkk combatte per l'autonomia nel Sud-Est del Paese da decenni, in un eterno conflitto che ha causato la morte di circa 40 mila persone.
IL SOSTEGNO DELL'EUROPA. L'Unione europea «ribadisce la sua continua solidarietà alla Turchia, al suo governo e alla sua popolazione e riafferma il nostro impegno a lavorare strettamente insieme per combattere la minaccia globale del terrorismo». Lo ha dichiarato la portavoce dell'alto rappresentante, Federica Mogherini, presentando le condoglianze alle famiglie delle vittime ed affermando che «ancora una volta la Turchia ha subito un attacco terroristico».
ERDOGAN: «CONTINIUAMO LOTTA AL TERRORISMO». Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, si è recato in visita dai feriti in ospedale, da dove ha condannato l'attentato: «Questi attacchi vengono compiuti contro persone il cui dovere è garantire la sicurezza del nostro popolo. Questo non può essere perdonato o dimenticato. Continueremo senza sosta la nostra lotta contro i terroristi fino alla fine».
La deflagrazione è stata talmente violenta che il mezzo è stato catapultato finendo per danneggiare alcuni edifici tra cui un hotel e una moschea del 16esimo secolo. Al momento, non c'è stata nessuna rivendicazione. L'attentato è avvenuto nel secondo giorno di Ramadan.

Correlati

Potresti esserti perso