Berlusconi: Confalonieri, ce la farà
BOLLETTINO 15 Giugno Giu 2016 1402 15 giugno 2016

Berlusconi, condizioni buone dopo l'intevento

Il fratello Paolo a Milan Channel: «È lucido e sveglio, ringrazia tutti per l'affetto». E i medici: «Battute con un'infermiera».

  • ...

Sono buone le condizioni di Silvio Berlusconi, all'indomani dell'intervento al cuore per la sostituzione della valvola aortica.
«L'operazione è riuscita», ha anticipato il fratello Paolo a Milan Channel. «Poi abbiamo dovuto aspettare qualche ora perché si svegliasse, ha avuto un momento di difficoltà, ma questa mattina si è svegliato nelle migliori condizioni post operatorie».
«LUCIDO E ATTENTO». «L'ho trovato lucido, attento», ha aggiunto, «continuava a ringraziare tutti per l'affetto. Nel periodo di convalescenza gli staremo tutti molto vicino, dovrà pensare più a se stesso che agli altri». Paolo Berlusconi ha ricostruito anche le ore di apprensione che hanno preceduto l'ingresso in sala operatoria. «Dopo le giornate di angoscia, settimana scorsa, abbiamo vissuto un periodo di attesa. Si dovevano attendere diversi giorni per effettuare l'intervento. Sono stati giorni in cui tutto poteva accadere, poi è arrivato quello dell'operazione, che era di routine come detto dai medici, ma comunque delicata, visto che si parla di un intervento al cuore. Sapevamo che il presidente era nelle mani giuste, la miglior equipe al mondo per questo tipo di intervento. Tutto è andato nel migliore dei modi».
IL CARDIOCHIRURGO: «NESSUNA COMPLICAZIONE». «L'intervento si è svolto come previsto», ha confermato il cardiochirurgo Ottavio Alfieri nel corso di una conferenza stampa. «Non c'è stata alcuna complicazione, è stata rimossa la valvola malata. Il resto del cuore era in ottime condizioni». «Naturalmente non è finita», ha aggiunto Alfieri. «Bisogna sempre essere molto cauti. Le complicazioni sono sempre possibili, anche in fase un pochino più tardiva. Ecco perché il livello di attenzione non deve diminuire». Il medico personale dell'ex premier, Alberto Zangrillo, ha sottolineato i segnali positivi, precisando di non essere a conoscenza di difficoltà notturne: «C'è stato un decorso assolutamente regolare, il migliore che potessimo aspettare. Il paziente ha avuto un ricorso regolarissimo anche durante la notte».
UNA BATTUTA PER L'INFERMIERA. «Questa mattina l'ho liberato dal vincolo dell' assistenza respiratoria. Si è venuto a manifestare immediatamente il Silvio Berlusconi di sempre, che dopo 30 secondi era pronto a farmi una battuta: un complimento per l'assistenza ricevuta durante la notte da una delle mie infermiere della terapia intensiva, Cristina, alla quale ha dato una alternativa di lavoro a Telecinco». Zangrillo ha spiegato che «domani mattina» Berlusconi verrà trasferito dal reparto di terapia intensiva «e potrà ricominciare a camminare» e «progressivamente riacquisterà tutte le sue libertà».
«Dal punto di vista del cuore», ha proseguito Alfieri, «credo che una volta eseguito questo intervento, avendo eliminato quello che rappresenta il peso emodinamico della anomalia, siccome è ancora in buone condizioni, non penso che ci siano delle restrizioni particolari alla attività di una persona. Certamente va tenuto conto dell'età e di altre cose ma non mi sentirei di dire: 'no, non può fare una campagna elettorale o politica'. Questa è cosa che deciderà lui e nessuno potrà cambiare molto la sua decisione».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso