Stellecampidolgio 160620025605
ELEZIONI 20 Giugno Giu 2016 0253 20 giugno 2016

Roma, Raggi: «Sono pronta a governare»

Il nuovo sindaco della Capitale: «Parte una nuova era». E cerca subito il dialogo con le altre forze politiche. Giachetti: «In bocca al lupo».

  • ...

«Si apre una nuova era, sono pronta a governare Roma». Virginia Raggi si presenta così alla stampa, per la prima volta da sindaco della Capitale, prima donna nella storia ad essere stata eletta al Campidoglio.
Un'affermazione strepitosa, con oltre il 67% dei voti e oltre 766 mila preferenze, che ha spazzato via il rivale del Partito democratico, il renziano Roberto Giachetti. Fermo poco sotto il 33%, con 374 mila voti.
«HANNO VINTO I CITTADINI». «Hanno vinto i cittadini di Roma», dice l'avvocatessa M5s, «voglio ringraziare tutti i romani che mi hanno affidato questo compito importante, che porterò avanti per cinque anni. La prima cosa che sento di dire, che mi viene dal profondo, è che finalmente anche Roma avrà un sindaco donna. In un momento storico in cui le pari opportunità sono ancora una chimera, considero questa una notizia dal valore straordinario».
«SARÒ SINDACO DI TUTTI». Quindi un pensiero alla dura campagna elettorale, spietata fino alla fine: «Voglio mettere un punto su tutti i toni aspri, sui vili attacchi che ho ricevuto. Si riparte da domani e mi auguro che tutte le forze politiche abbiano il buon sensi di aprire un dialogo su problemi e soluzioni, per mettere al centro i romani. Questo è l'obiettivo che mi sono prefissa. Sarò il sindaco di tutti i romani. Lavoreremo per portare legalità e trasparenza, che dopo Mafia Capitale è mancata».
Nel suo albergo romano Beppe Grillo si è affacciato alla finestra roteando delle grucce, cioè degli 'appendini', proprio per sottolineare le vittorie di Chiara Appendino a Torino e della Raggi a Roma.
I COMPLIMENTI DI GIACHETTI. Davide Casaleggio ha commentato così: «È un risultato storico. Il pensiero va a mio padre». Lo sconfitto, Roberto Giachetti, si è complimentato con la vincitrice: «Ho fatto le mie congratulazioni e il mio in bocca al lupo a Virginia Raggi. Sapevo quanto fosse difficile. Grazie a tutti. Il mio impegno per Roma continua». Per il partito democratico é una debacle, e nessuno dei pochi che parlano la nasconde. Tace il commissario romano Matteo Orfini, mentre Roberto Morassut, sconfitto da Giachetti alle primarie, dice che «ora ci vuole un nuovo Pd».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso