Renzi Direzione Pd

Resa dei conti nel Pd

Renzi Emiliano
17 Febbraio Feb 2017 1512 17 febbraio 2017

Pd, gli elettori dicono 'No' alla scissione: il 65% si fida di Renzi

Secondo Ixè il 76% di chi ha votato il Pd rifiuta la rottura. E Renzi chiama Emiliano: «Abbiamo parlato. Spero sia stato un confronto utile». Ma rilancia: «Se ce ne andiamo ci sarà un solo partito a sinistra».

  • ...

Manca poco alla resa dei conti interna nel Partito democratico, ma visti gli scambi di questi giorni, l'Assemblea del 19 febbraio rischia di essere una semplice constatazione di una scissione. Anche alla luce del recente fuori onda del ministro Delrio. Chi vorrebbe evitare a tutti i costi la scissione sono gli stessi elettori. Secondo un sondaggio di Ixè il 76% ha detto che non vorrebbe la rottura del partito.

APPELLO DI RENZI: «NON ANDATEVENE». Ha provato a serrare i ranghi il segretario Matteo Renzi, che ha lanciato il suo appello dalle colonne del Corriere della Sera: «Faccio un appello ai dirigenti: bloccate le macchine della divisione. Non andatevene, venite. Partecipate. Le porte sono aperte, nessuno caccia nessuno, torniamo a parlare di Italia».

IL SEGRETARIO: «CERCANO PRETESTI». «Io voglio evitare qualsiasi scissione. Se la minoranza mi dice: o congresso o scissione, io dico congresso. Ma se dopo che ho detto congresso loro dicono 'comunque scissione', il dubbio è che si voglia comunque rompere. Che tutto sia un pretesto. Toglieremo tutti i pretesti, tutti gli alibi. Vogliono una fase programmatica durante il congresso? Bene. Ci stiamo» ha spiegato l'ex presidente del Consiglio.

Il nodo resta quello legato ai tempi come chiarisce ancora il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano: «Basterebbe fare una conferenza programmatica a maggio, nella quale stringere il massimo comune denominatore e il minimo comune denominatore di tutti noi dentro un range tollerabile, in modo tale che il giorno dopo le primarie non si sia divisi tra maggioranza e minoranza, e si facciano le primarie a settembre». «Io mi sono impegnato ieri, in una conversazione con Franceschini» ha detto ancora Emiliano, «ove le primarie fossero a settembre-ottobre gli garantisco che non aderirei mai a una ipotesi di scissione». In questo contesto in tarda mattinata Emiliano conferma su facebook di aver sentito il segretario e di aver iniziato un confronto utile.

Matteo Renzi mi ha chiamato e abbiamo parlato. Spero che il nostro confronto sia utile alle sue prossime decisioni.

Geplaatst door Michele Emiliano op vrijdag 17 februari 2017

L'eventuale 'cosa rossa' che potrebbe nascere con la scissione secondo lo stesso presidente pugliese sarebbe una cosa sola e non una pluralità di soggetti: «Ho la ragionevole aspettativa che laddove malauguratamente si dovesse fare una scissione, non ci saranno due partiti della sinistra, ce ne sarà uno solo, perché è molto probabile che quest'area con gli eventuali usciti dal Pd si federi e ne costituisca una sola». Un'unione che potrebbe comprendere anche il nuovo movimento di Giuliano Pisapia: «Io sarò presente in molti eventi che Pisapia sta organizzando in Italia. E domani [sabato 17 febbraio, ndr] credo che Pisapia e Speranza saranno insieme a Venezia. Quindi c'è un dialogo aperto molto forte».

GLI ELETTORI VOGLIONO ANCORA RENZI. Intanto la base preferirebbe evitare ogni forma di scissione. Per il 76% degli elettori Pd la scissione del partito sarebbe un male. È quanto emerge da un sondaggio dell'Istituto Ixè. Solo il 19% pensa che un'eventuale fuoriuscita possa essere benefica. Gli elettori restano in gran parte legati al segretario attuale e il 65% vorrebbe che Matteo Renzi rimanesse al suo posto. Alle sue spalle i preferiti restano Andrea Orlando (18%) e Michele Emiliano (12%).

SONDAGGIO DEL 15 FEBBRAIO. In questo contesto è stata anche sondata un'eventuale lista Pisapia valutata tra il 2,6 e il 6,4%. La rilevazione è stata effettuata dall'Istituto Ixè in data 15/2/2017 per Agorà-RAI 3. Metodologia di rilevazione: sondaggio CATI-CAMI su un campione casuale probabilistico stratificato di 1.000 soggetti maggiorenni (su 9.056 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso