I 400 colpi

Renzi
I 400 COLPI 16 Marzo Mar 2017 1139 16 marzo 2017

La doppia trama di Renzi, novello Truffaut

Il suo racconto obbedisce all'espediente cinematografico della mise en abîme: sono due film, uno dentro l’altro. Esattamente come Effetto notte del regista francese.

  • ...

Per molto tempo Jean-Luc Godard e François Truffaut sono stati grandi amici: non avevano proprio la stessa concezione di cinema, ma condividevano la ricerca stilistica che li aveva portati a costituire la nouvelle vague sposandone l’idea di poter catturare attraverso un’illusione «lo splendore del vero» (cfr. Godard).

QUANDO GODARD RUPPE CON TRUFFAUT. A un certo punto i due grandi amici sono diventati grandi nemici. Casus belli le riprese di Effetto notte, un film di Truffaut a suo modo sperimentale, che scatenò le feroci critiche del suo amico. Per la tecnica, per l’ortodossia molto di confine rispetto agli stilemi del gruppo? No, il motivo era molto più banale: il regista di Fino all’ultimo respiro accusò il collega di andare a letto con le attrici dei suoi film.

PIGMALIONE CHE APPROFITTAVA DEL SUO RUOLO. Invidia, gelosia? Niente affatto. Per Godard quello era un inequivocabile segno di malafede. Era il piegare l’estetica cinematografica a un banale gioco di seduzione attraverso, e questa era la vera colpa, un abuso di potere perpetuato dal suo ex amico, pigmalione che approfittava del suo ruolo.

Il regista francese François Truffaut.

Cosa c’entra Renzi con Truffaut? Il paragone mi è venuto accostando il suo discorso pubblico al Lingotto - tutto innovazione, futuro, "la storia siamo noi ma anche io", eccetera - con quello invisibile portato avanti con i suoi dietro le quinte, dove l’oggetto era la spartizione delle poltrone nell’imminente tornata di nomine ai vertici delle partecipazioni statali.

DUE FILM, UNO DENTRO L'ALTRO. Insomma, c’è un Renzi che predica bene e ce n’è uno che razzola male. Ce n’è uno che critica le logiche di potere dominanti e uno che se ne fa impareggiabile campione. Potremmo dire, usando una nota figura della retorica cinematografica che i cineasti francesi conoscevano bene, che la trama renziana obbedisce alla mise en abîme. Sono due film, uno dentro l’altro, che raccontano storie diverse. Esattamente come in Effetto notte di Truffaut.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati