Tavecchio Boschi
VISTI DA VICINISSIMO 19 Aprile Apr 2017 1826 19 aprile 2017

Lega calcio, Tavecchio prova l'auto-incoronazione a commissario

Ma il presidente della Figc ha contro il governo, specie il ministro dello Sport Lotti, e il n.1 del Coni Malagò. In gioco c'è la difficile partita sui diritti televisivi, una torta da oltre 1 miliardo di euro. Il punto.

  • ...

Carlo Tavecchio le sta tentando tutte per nominarsi commissario della Lega calcio se nell'assemblea del 20 aprile 2017 non dovesse essere trovato un compromesso per un presidente di transizione che possa gestire la difficile partita sui diritti televisivi. Ma per prendere il posto di Maurizio Beretta, ricoperto come reggente da Ezio Simonelli, il presidente della Federazione italiana giuoco calcio (Figc) sa di avere due nemici formidabili: il governo con in testa il ministro dello Sport Luca Lotti che non vede bene questo doppio incarico e il numero uno del Coni Giovanni Malagò che l'ha sempre avversato.

NUOVO CONTENDENTE: AMAZON. Sta ora ai presidenti della Serie A decidere di farsi commissariare dall'alto con il rischio di perdere ogni collegialità nelle decisioni più importanti: prima fra tutte la torta di oltre un miliardo di euro per il rinnovo dei diritti che non sarà più un affare solo con Sky, Rai e Mediaset, ma soprattutto con le società telefoniche che puntano alle dirette sul cellulare. E un altro contendente si sta affacciando sul mercato del calcio: Amazon.

IPOTESI GALLIANI TRAMONTATA. Forse proprio per difendere questi interessi i club cercheranno di trovare nell'assemblea una sintesi con qualcuno che conosce bene il dossier. Tramontata per l'ultima volta la candidatura di Adriano Galliani che ci ha provato trovandosi contro non solo la maggior parte dei club, che non apprezzano il conflitto di interessi di un uomo Mediaset, ma pure i nuovi padroni cinesi del Milan.

(*) Con questo “nom de plume” scrive su Lettera43.it un protagonista e osservatore delle più importanti partite del potere politico ed economico-finanziario italiano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso