Dai che è verde

Blog 5 Stelle
2 Giugno Giu 2017 0800 02 giugno 2017

Toh, pure per Grande Puffo Grillo il cattivo ha l'aspetto di un ebreo

In un post contro le banche, il Blog delle stelle raffigura l’inconfondibile profilo del figuro curvo con barba e nasone. Come faceva il disegnatore belga di fumetti Peyo. Attendiamo chiarimenti (anche dal gatto Dibba).

  • ...

Sfogliando insieme a mio figlio gli albi a fumetti di Peyo, il disegnatore belga creatore dei Puffi e di John e Solfamì, noto che i cattivi hanno tutti qualcosa in comune: barba, capelli neri e naso adunco. Le streghe si chiamano Sara e Rachel, e del resto Azrael è il nome originale di Birba, il malefico gatto di Gargamella (il mago che sembra un Bersani incattivito, ma anche lui con il suo bravo nasone ricurvo).

ANCORA STEREOTIPI ANTISEMITI? Che nell’immaginario di Pierre Culliford alias Peyo, classe 1928, ci fosse qualche stereotipo antisemita è plausibile, meno comprensibile che se ne servano nel 2017 i pentastellati, tutti nati abbondantemente dopo il 1970. Fatto sta che nel Blog delle Stelle (che non è un sito di gossip cinematografico, ma uno degli organi ufficiali del M5s) un post sulle «Banche ombra che gestiscono il mondo» è illustrato con l’inconfondibile profilo dell’inquietante figuro curvo con barba a punta e nasone da Suss l’ebreo.

L’iconografia rimanda dritta dritta alle copertine della Difesa della razza e alle vignette del Terzo Reich in cui lo zio Sam elargisce dollari a un losco e ghignante banchiere nasuto

Nel testo non si accenna al solito complotto finanziario giudeo-massonico - l’unico nome che viene citato è quello dell’arianissimo lussemburghese Juncker -, ma l’iconografia rimanda dritta dritta alle copertine della Difesa della razza e alle vignette del Terzo Reich in cui lo zio Sam elargisce dollari a un losco e ghignante banchiere nasuto («Usa-Finanzen 98% verjudet!»). Sicuramente sarà per una innocente sovraesposizione agli albi di Peyo in età infantile, e non a certa robaccia da Stormfront in età adulta, che la Grillojugend si serve di cliché ripescati dalla pattumiera della storia e resistenti solo in qualche testa bacata e rasata.

VECCHIA FUFFA DA PROPAGANDA. Si può non essere sempre d’accordo con i M5s o non apprezzare certi loro atteggiamenti, ma non tanto da pensare che intendano scientemente sostenere e diffondere nel loro blog, anche solo con un disegno, la vecchia ma tenace fuffa mortifera della più vieta propaganda anti-ebraica. È vero che ripropongono le teorie del blog complottista filorusso Zerohedge, secondo cui l’ebreo americano-ungherese George Soros sarebbe «il grande burattinaio della crisi dei rifugiati» (praticamente, lui sarebbe Gargamella e noi europei i Puffi da ridurre in puré), ma precisano che Zerohedge «forse esagera». Forse? Attendiamo chiarimenti dal Grande Puffo di Sant’Ilario, o dal suo gatto Dibba.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati