Theresa May
PURPLE BRAIN 12 Giugno Giu 2017 1607 12 giugno 2017

La May come Bersani: ora si allea con un certo Little Angel Halfan

In Italia invece urne previste a maggio 2018. Salvo probabili elezioni anticipate a settembre, ottobre, novembre, dicembre, gennaio, febbraio, marzo e prima metà di aprile. Col sistema di Grillo: il Caschellum.

  • ...

Settimana di elezioni. Politiche in Gran Bratagna: Theresa May ha non vinto come Bersani qualche anno fa e ora probabilmente sarà costretta a fare un governo con i voti decisivi di un certo Little Angel Halfan. Legislative in Francia: Macron si è rivelato il Macron di se stesso trionfando come prima più di prima. Da noi ci sono state le elezioni amministrative, con una legge elettorale in vigore che ha incredibilmente permesso di svolgerle. Intanto la Camera, dopo il naufragio dell’accordo tra i partiti sul Tedeschellum, ha così disposto: «Il Paese per il periodo estivo seguirà le seguenti leggi elettorali. Da lunedì a venerdì, proporzionale alla tedesca su base tripolare, giovedì Italicum corretto alla Consulta, sabato e domenica maggioritario in salsa bipolare con riduzione di cinque stelle come contorno».

CSX E CDX, COALIZIONI RELOADED. Si è poi deciso anche il timing elettorale: data di scadenza della legislatura confermata a maggio 2018, salvo probabili elezioni anticipate a settembre, ottobre, metà ottobre, primi di novembre, dicembre, gennaio, febbraio, marzo e prima metà di aprile. Il voto delle Comunali ha riportato in auge le sigle csx e cdx che non si vedevano da un po’. Coalizioni reloaded. Si evince che uniti si vince. I retroscenisti annunciano nel campo del centrodestra a traino Lega un predellino del Cavaliere, il 176esimo per l’esattezza.

Beppe Grillo alle urne per le Amministrative 2017.

Il più lungimirante di tutti è stato Grillo che, prevedendo la caduta dei cinque stelle, ha indossato il casco anche in cabina, dando inconsapevolmente vita così a una inedita legge elettorale: il Caschellum. La giornata elettorale la vince però quella signorina che subito dopo il suo matrimonio in chiesa è andata al seggio in abito da sposa. Peccato per Renzi che non era il referendum, sarebbe stato un "Sì" in più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso