M5s Sicilia Deu
9 Luglio Lug 2017 2246 09 luglio 2017

M5s: Cancelleri scelto come candidato alle Regionali in Sicilia

I pentastellati hanno scelto il candidato con «4350 iscritti certificati» sulla piattaforma Rousseau. E il tandem Grillo-Di Maio lancia la sfida nazionale: «Prendiamo la Sicilia e nel 2018 vinciamo».

  • ...

Ora o mai più. Dalla Sicilia iniziò l'ascesa, dalla Sicilia si vuole ripartire per andare al governo: Beppe Grillo lancia la conquista del M5S dell'antica Trinacria con una kermesse in grande stile che conferma la leadership di Luigi Di Maio e l'impegno sul campo di Davide Casaleggio. Sarà Giancarlo Cancelleri a correre per la presidenza della Regione il 5 novembre in una campagna che il M5S considera più che mai cruciale e che apre la "fase 2", quella governista, dei 5 Stelle.

GRILLO: «È L'ULTIMA OPPORTUNITA'». «È l'ultima chance, io non ci torno più a nuoto in Sicilia», ha sottolineato Grillo dal palco Castello a Mare, a Palermo. Ed è una sorta di ultimatum quello che il Garante del M5S ha dato agli elettori e al Movimento stesso: basta errori e campagna pancia a terra, sono gli elementi su cui si punta per la risalita partendo da una Regione dove, nel 2012, nacque di fatto il fenomeno pentastellato.

2224 VOTI PER NOMINARE CANCELLERI. A votare Cancelleri, sono stati 2224 iscritti su 4350 totali, ovvero il 51,1% dei consensi. E lui, uomo vicino ai vertici e fedelissimo di Di Maio, annuncia che come primo provvedimento taglierà gli stipendi dei deputati dell'Ars e abolirà i vitalizi, in pieno stile grillino. La gente applaude e molti attivisti tirano quasi un sospiro di sollievo: tra i candidati in lizza c'era anche quel Ali Listi Maman che in diversi, nel Movimento, consideravano come un potenziale dissidente evocando anche una sua vicinanza con l'area centrista.

DI MAIO: «È LA FASE DUE DEL MOVIMENTO». Ma la vittoria di Cancelleri sembra chiudere ogni polemica. «È da qui che apriamo la fase due del Movimento, la fase del M5S al governo, se 5 anni fa votarci poteva essere un salto nel buio ora siamo più forti di prima», è l'esortazione di Di Maio che parla prima di Casaleggio e Grillo su un palco allestito come se fosse una scenografia di un teatro greco, con i consiglieri comunali e i 62 candidati all'Ars seduti, a mo' di coro di una tragedia eschilea, dietro l'oratore.

«IL 12 LUGLIO PARLERO' DI MIGRANTI CON FRONTEX». E Di Maio lancia anche la battaglia su un tema chiave della campagna siciliana e nazionale, i migranti. «A chi dice "aiutiamoli a casa loro" dico basta vendere armi ai Paesi che bombardano i migranti», sottolinea Di Maio lanciando una stoccata a Matteo Renzi e annunciando che, mercoledì 12 luglio, incontrerà Frontex mentre venerdì sarà a Ventimiglia. «Io non mi illudo più che l'Ue ci aiuti, non siamo fessi, cominciamo a guadagnare il rispetto», è la linea dura tracciata dal vice presidente della Camera.

INTERVENTO ANCHE DI CASALEGGIO. È il suo, l'intervento più politico tra i big sul palco. Gli oltre duemila attivisti applaudono, prima di ascoltare Casaleggio (che sottolinea la "libertà" del M5S che con la democrazia diretta ha riacciuffato un modo di fare politica dimenticato) e Grillo. E l'ex comico, citando scherzosamente Benito Mussolini, si rivolge con «un italiani» alla platea e grida: «il momento è ora».

VERSO ALLEANZE LOCALI IN SICILIA. Certo, con il sistema siciliano all'Ars avere la maggioranza assoluta e un miraggio. E non a caso Di Maio spiega come se alleanze saranno «non saranno con i vecchi partiti». Parole che certificano l'ipotesi di un'apertura post-voto alle liste civiche nel M5S in Sicilia. Un'apertura che, chissà, potrebbe ripetersi anche alle elezioni politiche. «Prendiamo la Sicilia e nel 2018 vinciamo», è stata la chiusura di Grillo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati