Di Maio, nessun accordo voto anticipato
17 Luglio Lug 2017 1450 17 luglio 2017

Vitalizi, l'ennesima gaffe di Di Maio

Nella lista dei destinatari del «privilegio incostituzionale» citata dal vicepresidente della Camera anche Luca Boneschi. Che però è scomparso a ottobre 2016.

  • ...

Cosa c'è di più efficace di cavalcare una nuova battaglia/polemica politica per relegare all'oblio una figuraccia plateale? Deve averlo pensato Luigi Di Maio che, reduce dalla telefonata immaginaria alle ambasciate dei Paesi Ue per chiedere aiuto e canadair sul Vesuvio, si è gettato a capofitto nella guerra ai "vitalizi". Eppure è riuscito a incappare in una "gaffe" anche in questo caso.

Parlando dei vitalizi, il vicepresidente della Camera ha promesso di abolirli entro fine legislatura. «È un privilegio medievale», ha ribadito il premier in pectore dei 5 stelle, che può essere goduto «anche da chi ha fatto il parlamentare per un giorno come un tal Boneschi che ora prende 3.108 euro». Peccato che un «tal Boneschi», avvocato tra l'altro di Giorgiana Masi e a lungo militante nel Partito Radicale, sia deceduto lo scorso ottobre. Ed è noto, negli annali parlamentari, per essere il deputato rimasto in carica per meno tempo: eletto il 12 maggio 1982 in sostituzione del dimissionario Marcello Crivellini aveva presentato le proprie dimissioni dall'incarico, accettate dall'Aula, il giorno successivo.

ROSATO (PD): «UNA PROPOSTA NELLE PROSSIME ORE». Al di là dell'ennesima caduta, la questione vitalizi sarrà affrontata a breve, almeno così fanno sapere dal Pd. «Inutile prendersela con la ragioneria quando fa il suo lavoro: cerchiamo un'altra soluzione e portiamo a conclusione la vicenda dei vitalizi», ha dichiarato il dem Ettore Rosato. «Di Maio vuole strumentalizzare, noi risolvere, lui urla, noi lavoriamo». «Nelle prossime ore avanzeremo una proposta per l'ufficio di presidenza per risolvere definitivamente la questione e anche il caso di chi dopo la riabilitazione pretende di ricevere indietro gli arretrati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso