CANCELLERI
23 Agosto Ago 2017 1647 23 agosto 2017

Abusivismo edilizio, le due facce del M5s

Di Maio su Ischia attacca Pd e Forza Italia sui condoni ma in Sicilia con Cancelleri promuove il modello Bagheria. Dove sindaco, consiglieri e famiglie vivrebbero in abitazioni irregolari. E Bonelli dei Verdi presenta un esposto.

  • ...

Contro abusivismo e condoni, ma non a casa loro. Il M5s pare aver compiuto l'ennesimo voltafaccia. Da una parte il sisma di Ischia e la scia di polemiche sulle costruzioni irregolari, dall'altro la campagna elettorale siciliana e la linea morbida.

DI MAIO ALL'ATTACCO SU ISCHIA. Dopo il terremoto che ha colpito l'isola campana Luigi Di Maio ha twittato senza remore: «Forza Italia e Pd sono la causa di tutti gli abusi e sanatorie in Italia. Oggi dovrebbero star zitti e piangere i morti, non sciacallare». Consiglio che lui per primo non ha seguito.

Il pentastellato è poi tornato poi all'attacco sul Blog difendendosi dalle accuse che gli sono piovute addosso: «Si parla di me come quello che vuole i condoni», scrive il vicepresidente della Camera, «mentre degli altri si racconta l'indignazione per il fatto che gli ischitani non avessero le case in sicurezza. Ma chi le doveva mettere le case in sicurezza? Forse le famiglie che hanno difficoltà ad arrivare a fine mese o avrebbe dovuto farlo lo Stato? Se c’erano degli abbattimenti da fare li doveva fare la Regione Campania, il Governo nazionale, non gli ischitani».

TOLLERANZA ZERO. E, ancora: «Per l'abusivismo edilizio noi non abbiamo nessuna tolleranza, per la prima volta abbiamo parlato di un piano casa per la Regione Siciliana, per aiutare quelli che hanno perso la prima casa, per aiutare chi viene sfrattato da una casa da demolire, queste cose se le dicesse uno del Pd sarebbe osannato, ma se le diciamo noi siamo la colpa, la ragione per cui nella mia terra ci sono gli abusi edilizi».

In Sicilia però i cinque stelle sono alle prese con la campagna elettorale per le Regionali, una partita fondamentale per la presa di Palazzo Chigi. Sarà per questo che il candidato governatore Giancarlo Cancelleri e Di Maio sull'abusivismo edilizio hanno adottato una linea più soft, proponendo il contestato modello Bagheria, Comune a 5 stelle dell'Isola. «Non abbatteremo le case della povera gente», ha assicurato Cancelleri parlando a La7.

CANCELLERI E L'ABUSIVISMO DI NECESSITÀ. Insomma, c'è abusivismo e abusivismo. Chi «ha invaso le coste oppure insiste in zone di inedificabilità assoluta, e che non è accettabile» per Cancelleri non può essere certo messo sullo stesso piano di chi è ricorso a «un abusivismo di necessità perché non sono stati fatti i piani casa in questa Regione, perché gli Iacp non hanno dato la casa a chi ne aveva bisogno». Resta da capire se anche le scosse telluriche seguano lo stesso distinguo: gli abusivi per necessità rischiano la vita come gli abusivi fuorilegge?

IL REGOLAMENTO DELLE POLEMICHE. In attesa di capirlo, il modello da seguire per il M5s resta Bagheria. Dove, ha aggiunto Cancelleri, «abbiamo fatto un regolamento comunale, il nostro sindaco non sta buttando giù le case della povera gente, quelle che però non insistono nei 150 metri o nelle zone di inedificabilità assoluta». Peccato che proprio sul regolamento di Bagheria la Regione abbia avviato verifiche dopo un esposto presentato da consiglieri comunali, cittadini e dal Pd locale nel quale spunta un possibile conflitto di interesse. Non solo il sindaco Patrizio Cinque, autore del regolamento, «insieme ai parenti è proprietario di un immobile abusivo» in attesa di sanatoria ma nella stessa situazione si troverebbero pure il vicesindaco e quattro consiglieri M5s che quel regolamento hanno votato.

LA GAFFE SU BORSELLINO. Bene ma non benissimo. Soprattutto se in tema di legalità il candidato governatore Cancelleri riesce a scivolare persino sulle frasi simbolo della lotta alla mafia. Commentando una foto che lo ritrae insieme a Di Maio, il grillino scrive entusiasta: «Qualcuno dice che diventerà bellissima; peccato che la Sicilia sia già bellissima!». E peccato pure che quel "qualcuno" fosse Paolo Borsellino - «un giorno questa terra sarà bellissima» - ucciso dalla mafia in via D'Amelio nel '92 insieme con gli agenti della scorta. Una leggerezza che forse non stupisce visto che il 19 luglio Di Maio ricordando il giudice arrivò a scrivere su Fb: «Venticinque anni fa se ne andava un grande uomo».

Qualcuno dice che diventerà bellissima; peccato che la Sicilia sia già bellissima!

Geplaatst door Giancarlo Cancelleri op woensdag 23 augustus 2017

Le polemiche però non si placano. Aspettando che Di Maio arrivi il 28 agosto col suo tour elettorale proprio a Bagheria, i Verdi hanno presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Termini Imerese, al Prefetto di Palermo e al Presidente della Regione Siciliana denunciando il regolamento approvato dal Comune, che blocca le procedure di demolizione degli immobili abusivi anche nelle zone di inedificabilità assoluta. «L'azione dei Verdi», ha spiegato il coordinatore nazionale Bonelli, «vuole denunciare e smascherare il partito trasversale dell'abusivismo edilizio. Per questo motivo siamo intervenuti bloccando la legge voluta da De Luca in Campania, Regione guidata dal centrosinistra, e abbiamo denunciato situazioni simili in realtà guidate dal centrodestra». Questa volta, ha aggiunto, «siamo costretti a denunciare la sanatoria targata Movimento 5 stelle nel Comune di Bagheria, presa a modello dal candidato presidente della Sicilia, Cancelleri e da Di Maio, che difende i cosiddetti abusi di necessità. Quello che presenteremo è un esposto dettagliato e che evidenzierà situazioni e punti di vista anche clamorosi».

IL SINDACO M5S: «BONELLI? UN IGNORANTE». Il sindaco pentastellato aveva già risposto alle accuse di Bonelli con un post su Facebook. «Il regolamento», aveva messo in chiaro il primo cittadino, «stabilisce che gli immobili acquisiti al patrimonio comunale possano essere destinati ad uso abitativo per gli ex proprietari, purché si tratti di unica casa e di residenza abituale. È stato pensato per conciliare la lotta all'abusivismo con il diritto all'abitazione dei cittadini, che hanno costruito abusivamente molti anni fa. Gli utenti ricevono la casa dietro il pagamento di un canone mensile e i lavori di manutenzione sono a carico dell'affittuario». E, ancora: «Bonelli è un ignorante ma sono disponibile, se vuole affrontare seriamente l'argomento, a sedermi accanto a lui e a spiegargli quello che abbiamo fatto e faremo sulla questione abusivismo. Gli spiegheremo anche che il regolamento parla di immobili acquisiti e, dalle sue parole, credo non sappia che gli immobili in zona di inedificabilità assoluta non si possono mantenere per pubblico interesse ma, previa disponibilità economica dell'ente, vanno demoliti».

Io ho deciso, laddove la legge me lo permetta, di non essere boia dei cittadini e di non buttarli in mezzo alla strada. Lui scelga di non essere ipocrita.

Geplaatst door Patrizio Cinque op zondag 13 augustus 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso