Migranti:169 su barcone,soccorsi in mare

Emergenza migranti

Gino Strada
FRONTIERE 7 Settembre Set 2017 0912 07 settembre 2017

L'insulto di Strada a Minniti? È la miseria culturale di sinistra

Per il fondatore di Emergency il ministro dell'Interno «ha una storia da sbirro». Ma bloccare i flussi dalla Libia ha azzerato i morti in mare. Qualcuno invece mischia la solidarietà con l'ideologia massimalista.

  • ...

L’attacco sguaiato di Gino Strada a Marco Minniti mette a nudo la miseria culturale della nostra sinistra politically correct. Un mondo pseudo progressista che si esprime solo per improperi, demonizzando e insultando a vanvera l’avversario - «Minniti ha una storia da sbirro», dice, mentendo e sapendo di mentire, il fondatore di Emergency - che mette il proprio ruolo salvifico sopra e contro la realtà.

IN UN MESE NIENTE PIÙ AFFOGATI. I fatti ci dicono una sola cosa. Minniti con le sue mosse ha ottenuto il massimo risultato umanitario mai raggiunto: da un mese non c’è un morto, un morto solo affogato nel Canale di Sicilia. Negli anni e nei mesi passati sono stati decine di migliaia, 2.500 nel solo 2017 sino a giugno.

TRAFFICO UMANO DA IMPEDIRE. Questo è l’obbiettivo prioritario evidente, impellente del dramma che si svolge in quelle acque dal 2012. Ma a Strada questo non interessa. Per lui questo non conta. Non vuole capire - lo nega pervicacemente e senza intelligenza - che l’unico modo per impedire la morte per affogamento di decine di migliaia di innocenti - a cui si aggiungono le decine di migliaia di morti nel tragitto di terra dall’Africa sub sahariana alla Libia - è quello di chiudere totalmente quel flusso e impedire il traffico di carne umana per terra e per mare svolto dalle mafie dei nuovi schiavisti.

Certo, per una fase questo significa che le centinaia di migliaia di immigrati giunti in Libia soffrano le condizioni di detenzione inumana dei campi libici. Ma a queste sofferenze - che nulla hanno a che fare con la Shoah come dice incredibilmente Furio Colombo - si può mettere rimedio in un solo modo: rimpatriando dalla Libia ai Paesi di origine i clandestini detenuti in Libia.

SI PERDE IL LUME DELLA RAGIONE. Questo è l’obbiettivo epocale che si dovrebbe porre l’Onu - che nicchia è poco fa -, questa è l’attività in cui si dovrebbe impegnare l’Unione europea e in cui si dovrebbero impegnare le Ong e le organizzazioni umanitarie, invece di insultare. Ma quando si mischia solidarietà a ideologia massimalista - questo è il peccato originale di Emergency e di Strada - si perde il lume della ragione e si travisa malamente la realtà.

SECONDO PASSO: I RIMPATRI. Minniti si è subito impegnato col Ciad, la Nigeria, il Senegal e gli altri Paesi d’origine degli immigrati, per organizzare i rimpatri dalla Libia. Questo è chiaramente il secondo passo della sua strategia. Ma Gino Strada, assieme a quelli come lui, non vuole saperlo, non vuole vederlo. Gli basta declamare. E insultare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso