REGOLE
15 Settembre Set 2017 1433 15 settembre 2017

Primarie M5s: ecco le regole per candidarsi

Sul Blog è pubblicato il regolamento per sfidare Luigi Di Maio. Nessun accenno a un ente terzo certificatore. Una possibilità anche per chi è «a conoscenza di indagini e procedimenti penali». Intanto Lombardi lancia la sua corsa alle Regionarie del Lazio.

  • ...

A meno di 10 giorni dalla proclamazione del candidato premier per il M5s sul Blog sono state pubblicate le regole per la corsa online. Chi volesse sfidare Luigi Di Maio deve naturalmente essere iscritto al Movimento e:

1) Aver svolto un mandato: dal consiglio circoscrizionale al parlamento europeo, fino a sindaco. Se il mandato è ancora in corso, deve avere termine entro il 28 febbraio 2018.

2) Essere stato eletto alla Camera e/o al Senato nel 2013.

3) Non essersi dimesso durante l'esercizio del mandato, non deve aver cambiato gruppo consiliare e/o parlamentare, e deve essere in possesso dei requisiti previsti per le cariche elettive «meglio indicati nella nota 4, 4° periodo, del Regolamento».

4) Non aver tenuto «condotte in contrasto con i principi, valori, programmi, nonché con l’immagine del MoVimento 5 Stelle, del suo simbolo e del suo Garante», ed essere attualmente «parti ricorrenti e/o parti attrici in giudizi promossi avverso il MoVimento 5 Stelle e/o il suo Garante».

5) Non aver mai partecipato a elezioni di qualsiasi livello con forze politiche diverse dal MoVimento 5 Stelle e che non essere mai stato iscritto ad alcun partito.

LA POSTILLA PER GLI INDAGATI (E DI MAIO). Spunta poi una postilla: «Ai candidati a conoscenza di indagini o procedimenti penali verrà richiesto un certificato rilasciato ai sensi dell'art. 335 del c.p.p., nonché i documenti relativi ai fatti contestati e una breve relazione illustrativa dei fatti con autorizzazione espressa alla pubblicazione di tali atti nell’ambito dello spazio riservato a ciascun candidato». Insomma Di Maio, indagato per diffamazione a Genova e a Roma, che per un cavillo rischiava di vedere bruciata la sua candidatura, può dormire (almeno secondo queste regole) sonni sereni. Il termine ultimo per presentare la candidatura è lunedì 18 settembre alle ore 12. Non solo. In questo primo post non viene fatto accenno ad alcuna certificazione da parte di un ente terzo.

LOMBARDI SI CANDIDA ALLE REGIONARIE. Nel frattempo Roberta Lombardi ha lanciato su Facebook la sua candidatura alla Regione Lazio. «Tra non molto oltre alle elezioni nazionali si apriranno anche le elezioni regionali nel Lazio e i cittadini potranno scegliere il nuovo, o la nuova presidente», ha scritto la deputata su Facebook. «Proprio alla luce del lavoro svolto finora, ho deciso di mettermi in gioco, quindi di candidarmi alle regionarie M5s. Con l'obiettivo, mi auguro, di poter dare maggiore concretezza, rispetto al livello parlamentare da cui vengo, a molte delle battaglie portate avanti negli ultimi 10 anni sul territorio».

FINIAMO L'OPERA E CAMBIAMO DAVVERO LE COSE Questi quattro anni e mezzo in Parlamento sono stati importantissimi per...

Geplaatst door Roberta Lombardi op vrijdag 15 september 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso