Pubblica Amministrazione
16 Settembre Set 2017 2053 16 settembre 2017

Pubblica amministrazione, 500 mila in pensione: maxi-concorso per i giovani

Il governo prepara un piano di assunzioni mirate. L'obiettivo è abbassare l'età media che ormai ha raggiunto la soglia dei 50 anni.

  • ...

Allo studio del governo c'è un piano per aprire le porte della Pubblica amministrazione ai giovani, visto che presto è destinato ad andare in pensione circa mezzo milione di dipendenti, su un totale di 3,3 milioni. Si punta ad anticipare le uscite, mettendo a punto un programma di fabbisogni e un maxi concorso per assumere nuove leve.

«OCCASIONE STRAORDINARIA». Il sottosegretario alla Pa Angelo Rughetti ha spiegato: «Nei prossimi quattro anni abbiamo quasi 500 mila persone» che si ritireranno, «è un'occasione straordinaria» anche per «abbassare l'età media» che ormai ha raggiunto la soglia dei 50 anni. L'idea è quella di condizionare le assunzioni semplicemente alla sostenibilità finanziaria, della spesa. E in questo è già prevista una sperimentazione a livello territoriale nell'arco di un biennio.

PREVISTE PROVE CENTRALIZZATE. La svolta potrebbe però essere anticipata, visto che sono attese le linee guida per la predisposizione di fabbisogni, da cui discenderanno anche nuove modalità concorsuali, con prove centralizzate, periodiche e orientate a sondare specifiche professionalità (magari partendo anche da abilità già certificate, magari attraverso più step).

STABILIZZAZIONE DEI PRECARI. L'esempio più eclatante, che ha riportato Rughetti, è quello dei progettisti: figura che manca con ricadute pesanti: «Abbiamo miliardi di euro chiusi nei cassetti del governo» perché non ci sono iniziative, progetti appunto. Intanto si dovrebbe chiudere la partita per la stabilizzazione dei precari, con in ballo 50 mila posizioni. Per fine settembre è attesa una circolare del ministero proprio per aiutare le amministrazioni nella predisposizione dei piani di assorbimento. Quel che è certo è l'esodo di massa degli statali, per raggiunti limiti d'età.

ARRIVA L'OK DEI SINDACATI. Anche per i sindacati è vitale far entrare nuovo personale. La segretaria generale della Fp Cgil, Serena Sorrentino, ha chiesto «un piano straordinario per l'occupazione nella Pa, con una nuova programmazione che guardi soprattutto ai giovani». Secondo il segretario confederale della Uil, Antonio Foccillo, «è estremamente positivo» parlare di una programmazione delle entrate «anche per innovare la mentalità, dopo anni di blocco delle assunzioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso