Foto Sovietiche 5 Stelle
8 Novembre Nov 2017 1501 08 novembre 2017

M5s, la dissidente Batzella sparisce dalla foto

L'ex collega Francesca Frediani ha deciso di cancellarla con Photoshop, dopo il suo addio ai grillini torinesi: «È censura? Chiamatela come volete. Per me è soltanto una profonda delusione».

  • ...

«Il passato, e il lavoro fatto, non si cancellano con Photoshop». Stefania Batzella, consigliera regionale piemontese che nelle scorse settimane ha lasciato il Movimento 5 stelle, ha commentato così la decisione dell'ex collega Francesca Frediani di cancellarla dalla foto del gruppo pentastellato che aveva sulla sua pagina Facebook. «È un piccolo esempio del clima che si viveva in quel gruppo», aggiunge Batzella, che ha lasciato i 5 stelle in polemica con i suoi ex "compagni".

A sinistra la foto "corretta" con Photoshop. A destra un'analoga operazione di epoca sovietica.

La "proprietaria" della scatto, la consigliera Frediani, ha cercato di ridimensionare l'episodio: «Amo questa foto perché è l'unica che ho insieme a Beppe Grillo. Provo ancora una grande amarezza per l'abbandono del gruppo da parte della collega. In questi giorni ne ho lette di tutti i colori sul mio conto e sul gruppo cui appartengo, tante falsità e accuse gravissime cui abbiamo scelto di non replicare per non sottrarre tempo ed energia al nostro lavoro. È censura? Chiamatela come volete. Per me è soltanto una profonda delusione».

Frediani ha poi aggiunto: «Forse le reali motivazioni di Batzella si potrebbero trovare andando a vedere il nostro sito "Ti rendi conto". Si scoprirebbe che non esistono restituzioni dallo stipendio di Batzella dopo lo scorso aprile, mentre per gli altri componenti del gruppo le restituzioni sono documentate fino a settembre. Chi fa una scelta del genere probabilmente ha già in mente qualcosa. Forse Batzella destinerà la sua parte a qualche scopo. Noi destiniamo le nostre restituzioni con trasparenza assoluta, evitando la scelta di un beneficiario specifico, perché vogliamo evitare l'accusa di fare marchette».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso