Manovra ricca di bonus, da bus a 18enni
LEGGE DI STABILITÀ
10 Novembre Nov 2017 1702 10 novembre 2017

Manovra, tutti gli emendamenti al Senato

Il Pd propone di istituire un fondo ad hoc per risarcire gli azionisti delle banche venete. Mentre Alternativa popolare punta a reintrodurre il bonus bebè.

  • ...

Sulla legge di Stabilità, all'esame della commissione Bilancio del Senato, inizia ad arrivare la consueta pioggia di emendamenti. I gruppi parlamentati hanno presentato infatti quasi 4 mila proposte di modifica, per l'esattezza 3.954, che saranno discusse dalla fine della prossima settimana, dopo che si sarà concluso l'esame del decreto fiscale collegato.

SPUNTA IL FONDO PER GLI AZIONISTI DELLE VENETE. La principale forza di maggioranza del governo Gentiloni, cioè il Partito democratico, ha presentato in particolare un emendamento per istituire un fondo ad hoc con cui risarcire gli azionisti delle banche venete, considerati 'vittime' della mala gestio che ha portato gli istituti in liquidazione coatta amministrativa.

AZIONE BIPARTISAN. La stessa proposta è contenuta anche in molti altri emendamenti presentati dai senatori veneti di altri partiti. Dunque, come ha spiegato il capogruppo dem in Senato Giorgio Santini, sul tema si prospetta «un'azione coordinata e bipartisan». Il fondo, in base alle prime indiscrezioni, verrebbe finanziato in parte con le risorse ottenute dalla cessione dei crediti deteriorati.

AP VUOLE LA RIEDIZIONE DEL BONUS BEBÈ. Punta invece sulla reintroduzione del bonus bebè Alternativa popolare, che con il coordinatore nazionale Maurizio Lupi dichiara: «O viene reintrodotto oppure i nostri gruppi» non voteranno la manovra. Non si tratterebbe di un «ricatto», bensì di «serietà», perché sarebbe «inaccettabile» se non fosse rifinanziato un bonus «di cui hanno usufruito 750 mila famiglie».

PROPOSTA CONDIVISA. Anche il Pd, d'altra parte, ha presentato emendamenti che puntano a ripristinare il bonus bebè nel 2018. E il capogruppo Santini ha precisato che il partito si è fatto promotore di diverse misure a favore della famiglia, come quella che alza l'attuale tetto reddituale di 2.840 euro sopra il quale i figli non vengono più considerati a carico della famiglia.

PENSIONI, COSA BOLLE IN PENTOLA. Altro tema caldo è quello che riguarda le pensioni. Sempre il Pd ha presentato un emendamento che «allunga, allarga e fluidifica l'Ape social». Santini ha spiegato che si tratta di un «contenitore pronto a recepire l'intesa governo-sindacati» sui lavori gravosi, se l'intesa venisse effettivamente raggiunta. In sostanza, il provvedimento «proroga l'Ape social al 2019 e interviene per superare i vincoli che hanno portato a una bocciatura della gran parte delle domande già arrivate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso