Di Maio Grillo M5s
12 Gennaio Gen 2018 1708 12 gennaio 2018

M5s, altra bega per Grillo: nuova causa in tribunale

Il Comitato per la Difesa dei Diritti dell'Associazione M5s ha deciso di fare causa al leader pentastellato per un "conflitto di interesse" nella gestione dei simboli e delle tre associazioni nate tra il 2009 e 2017.

  • ...

Il Comitato per la Difesa dei Diritti dell'Associazione M5s, guidato dall'avvocato Lorenzo Borrè, ha dichiarato una nuova battaglia a Beppe Grillo e lo trascina in Tribunale, a Genova, dove tre giorni fa ha chiesto la nomina di un curatore che rappresenti la prima associazione M5s, del 2009, per curarne gli interessi. Il presupposto è che Grillo avallando la costituzione della terza associazione M5s a dicembre, concedendogli l'uso del simbolo, sia in "conflitto di interesse" nel difendere i diritti dei primi associati.

GRILLO NON RAPPRESENTA TUTTI GLI ASSOCIATI. Insomma Beppe Grillo in quanto tale non potrebbe rappresentare gli interessi dei primi associati, quelli che restano e che non intendono trasmigrare nella terza nuova associazione creata lo scorso 20 dicembre. Per questo, sostengono i componenti dell'associazione, serve un curatore che agisca in nome e per conto della prima associazione e che ne tuteli i diritti dei componenti rispetto alla seconda e terza che sono state, a loro giudizio «irregolarmente» costituite.

TRE RUOLI PER LE TRE ASSOCIAZIONI. La richiesta di tutela vale, ovviamente, anche per il nome e il simbolo del Movimento. Non solo. Il conflitto di interesse riguarderebbe anche diversi ruoli di Grillo nelle tre diverse associazioni costituite nel tempo: nel 2009, nel 2012 e nel 2017. Nella prima Grillo figurava come Capo Politico, nella seconda come Presidente del Consiglio Direttivo e nella terza come Garante. Le intenzioni del Comitato Di.Di.A M5S per la difesa dei diritti dell'Associazione MoVimento 5 Stelle costituita nel 2009 saranno inoltre annunciate domani in occasione di una conferenza stampa che si terrà a Roma anche con gli avvocati ricorrenti Lorenzo Borrè e Alessandro Gazzolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso