Donald Trump Matteo 161109092412
CAPTATIO MALEVOLENTIAE
13 Gennaio Gen 2018 0900 13 gennaio 2018

È più grosso l'ego di Salvini o quello di Trump?

Il segretario leghista sente la vittoria in pugno, mentre il presidente Usa si definisce genio. Ma anche la "congiuntivite" di Di Maio e i cugini di campagna (elettorale) di Arcore. Il meglio del peggio della settimana.

  • ...

Il meglio del peggio della settimana.

L'EGO NORD. «Il 4 marzo sarà una Festa di Liberazione a livello nazionale con la vittoria del centrodestra e del governo Salvini: ne sono certo». Ha annunciato il segretario della Lega e candidato premier, Matteo Salvini.

MEMENTO AUGERE SEMPER. Donald Trump su Twitter replica alle rivelazioni che hanno anticipato l'uscita del libro Fire and Fury: inside the Trump White House dello scrittore e giornalista Michael Wolff. Riferendosi al suo primo mandato da presidente degli Stati Uniti (ottenuto «on my first try», al primo tentativo) Trump scrive: «Penso di non essere intelligente, ma un genio».

CUGINI DI CAMPAGNA (ELETTORALE).

Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi ad Arcore.

FUGA DALLA VITTORIA. Maroni decide non non ricandidarsi più alla guida della Regione Lombardia. Nonostante una vittoria praticamente certa, l'inquilino del Pirellone pare abbia deciso di ritirarsi (ipse dixit!) «a vita privata». Pare...

CONGIUNTIVITE. Il futuro premier Di Maio, intervistato da Primo Canale, ricade sul congiuntivo: «Il Movimento ha sempre detto che noi volessimo fare un referendum sull'euro».

ROTTURA DI MARONI. «Salvini con me si è comportato da stalinista. Il mio addio? Incompatibilità con lui. La politica non è solo marketing». Roberto Maroni, governatore uscente della Lombardia, torna dopo qualche giorno sulle ragioni della sua non ricandidatura.

ASINOV.

Luigi Di Maio.

IL QUARTO LATO DEL TRIANGOLO. Dopo la réunion di Meloni, Salvini e Berlusconi, Brunetta ne è certo: «Ad Arcore il quarto petalo della nostra coalizione è stato definitivamente accettato da tutti i partner del centrodestra, e io penso sia un valore aggiunto straordinario».

'O FAMO STRANO? Nardella, sindaco di Firenze, su Twitter: «Come Presidente del Maggio Musicale (manifestazione fiorentina, ndr) sostengo la decisione di cambiare il finale della Carmen, che non muore. Messaggio culturale, sociale ed etico che denuncia la violenza sulle donne, in aumento in Italia».

DURA VAX SED VAX. «Non penso proprio», ha detto il presidente dei senatori di Forza Italia Paolo Romani, interpellato a Montecitorio in merito alle dichiarazioni di Salvini intenzionato a eliminare, qualora dovesse andare al governo, l'obbligatorietà dei vaccini.

ATTO OSCEMO.

Vittorio Sgarbi.

ABOLITIO SINE QUA NON. Via il canone Rai, addio al bollo auto, in soffitta la legge Fornero, mai più tasse universitarie: mancano poco meno di due mesi al voto e, per ora, è tutta una campagna elettorale all’insegna dell’abolizione. Sono almeno quindici, infatti, le leggi che i leader politici si sono già impegnati ad abrogare una volta al governo. I 5 stelle parlano addirittura di 400 leggi e lanciano un sito dove i cittadini possono segnalare quella da archiviare: www.leggidaabolire.it

CARPI DIEM. Esce di casa in Germania, si perde e arriva a Carpi: un 82enne tedesco ha smarrito l’orientamento ed è entrato nella A22 a Monaco di Baviera; è riuscito a 'uscirne' solo in Italia.

SPERANZE ROMANE. Dopo il mancato trasporto dei rifiuti di Roma in Emilia Romagna, i romani possono tirare un primo sospiro di sollievo nella speranza di risolvere l'emergenza rifiuti che da settimane affligge la capitale. La Regione Abruzzo, infatti, ha detto sì e accoglierà i rifiuti della Capitale per 90 giorni e per una quantità massima di 39mila tonnellate.

SONO FUORI DAL TUNNEL. Errore di costruzione per i vagoni del metrò di Napoli che, essendo troppo grandi, non entrano nei tunnel della metropolitana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso