Macerata
Sparatoria di Macerata
Gentiloni, fascismo non è giustificabile
9 Febbraio Feb 2018 2000 09 febbraio 2018

Macerata, l'appello di Gentiloni: «Nessuno giustifichi il fascismo»

Il presidente del Consiglio dopo il raid di Traini e la polemica sulla manifestazione nel capoluogo marchigiano: «Chi lo fa è fuori dalla Costituzione».

  • ...

«Il dibattito politico è libero, la giustificazione del fascismo è fuori dalla Costituzione italiana». Lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, durante l'apertura della campagna elettorale della federazione Partito democratico di Ascoli Piceno. A Macerata, nel frattempo, è stata autorizzata la manifestazione antifascista prevista per sabato 10 febbraio, all'indomani degli incidenti con i militanti di Forza Nuova (leggi anche: Macerata, autorizzata la manifestazione antifascista).

NON CONFONDERE IMMIGRAZIONE E SICUREZZA. «Abbiamo bisogno di un'immigrazione regolare e sicura», ha detto ancora il premier, «ma non consentiremo a nessuno di minimizzare comportamenti criminali. Sono ingiustificabili nell'Italia del 2018. Lo Stato giudicherà con fermezza i colpevoli». Per poi aggiungere: «Non bisogna confondere la situazione migratoria che stiamo affrontando con quella della sicurezza. Chi soffia sul fuoco trova spazio. Ma noi lavoriamo dalla parte opposta. E se lo faremo avremo la maggioranza dei cittadini».

LA SFIDA DELLA SOCIETÀ APERTA. Oltre alla «sfida per una società più giusta», secondo Gentiloni «dobbiamo fare nostra la sfida della libertà e della società aperta. Io non mi rassegno alla prospettiva di un ritorno dei nazionalismi e delle chiusure». Inevitabile poi un passaggio sui fatti di Macerata: «Nel rendere regolare il fenomeno migratorio, dobbiamo sgombrare il campo dalla questione drammatica dei comportamenti criminali, delle ideologie naziste e razziste che abbiamo visto manifestarsi recentemente a Macerata, già colpita dalla terribile vicenda di Pamela Mastropietro. A quei fenomeni criminali, a chi spara per strada, rispondiamo con la forza della legge».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso