Padoan, lavoriamo a quadro tendenziale
13 Marzo Mar 2018 1321 13 marzo 2018

Padoan: «L'Italia post elezioni è un elemento di incertezza per l'Ue»

Il ministro dell'Economia riporta gli umori di Bruxelles. In particolare del commissario Moscovici. E sul Pd aggiunge: «Ha preso atto dei risultati e deve collocarsi all'opposizione». Di Maio: «Irresponsabile».

  • ...

L'Italia uscita dal voto rappresenta un «elemento di incertezza» in Europa. Un timore espresso dal commissario europeo agli Affari economici e finanziar Pierre Moscovici come riportato dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. «Tutti mi hanno chiesto cosa succederà in Italia e gli ho detto "non lo so"», ha risposto poi Padoan a chi gli chiedeva se i suoi colleghi di Bruxelles fossero preoccupati della situazione post elezioni.

«IL PD DEVE COLLOCARSI ALL'OPPOSIZIONE». Padoan ha poi aggiunto: «Penso che il Pd debba prendere atto dei risultati, cosa che mi pare abbia fatto, e collocarsi all'opposizione. Ci sono altri partiti che hanno vinto e credo sia nel gioco democratico offrire una soluzione di governo al Paese». E, ancora: «In questi due giorni ho incontrato Dombrovskis, Moscovici e Centeno per informarli del lavoro che in Italia stiamo facendo sulla scrittura di un documento di quadro macro tendenziale e del fatto che implicitamente, finché non ci sarà un nuovo governo, la Commissione deve attendere l'invio del documento programmatico che è compito nuovo governo redigere».

UN DOCUMENTO SENZA CONTENUTI POLITICI. Un documento, ribadisce il titolare del Tesoro, «tendenziale», che «non ha nessun contenuto di policy». Il parlamento non sarà chiamato ad approvarlo e o meno, ma «voterà una o più risoluzioni e immagino che ogni politico voglia approfittare per dire quali sono le priorità di politica economica di ognuno», continua Padoan. Il che «non significa emendare il documento, ma affiancarlo ad ulteriori documenti di indirizzo che ogni parlamentare riterrà di rendere pubblici».

DI MAIO: PADOAN IRRESPONSABILE. Le parole di Padoan non sono andate giù a Luigi Di Maio che, incontrando la stampa estera, ha risposto a distanza al ministro. «Le nostre misure economiche saranno sempre ispirate alla stabilità del Paese», ha detto il capo politico del M5s, «non vogliamo trascinare le dinamiche economiche nelle diatribe politiche». Ha poi aggiunto: «Credo che Padoan sia stato molto irresponsabile a trascinare le questioni tra Italia e Bruxelles rispondendo 'non so' a proposito del futuro dell'Italia. È stata quasi una provocazione, come a dire che "ora che me vado all'opposizione avveleno i pozzi". Tutti siamo chiamati alle responsabilità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso