SALVINI DI MAIO
Aggiornato il 15 marzo 2018 14 Marzo Mar 2018 2113 14 marzo 2018

M5s-Lega, prove di dialogo: Salvini apre a Di Maio

Il leader del Carroccio telefona al candidato premier dei pentastellati. Poi sente anche Grasso e Martina: «Priorità al taglio di costi e vitalizi». Così si cerca un accordo sulla presidenze delle Camere. 

  • ...

La guerra di posizione in atto nel centrodestra tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi riapre i giochi sugli accordi per le nomine alla presidenza delle Camere, ma anche nuovi possibili scenari di governo o per un ritorno pilotato alle urne dopo il via libera a una nuova legge elettorale. Di Maio e Salvini sembrano sempre più voler avvicinare le loro posizioni. Anche se in serata il leader M5s rivendica con nettezza la presidenza della Camera ai pentastellati: «Siamo la prima forza del Paese», ricorda. È però il leader della Lega ad assumere l'iniziativa rompendo gli indugi per formalizzare il dialogo con i Cinque stelle. In serata chiama Di Maio per una prima presa di contatto. «Abbiamo concordato sulla necessità di confrontarsi sulle presidenze delle due Camere nel rispetto del voto degli italiani», spiega Salvini che, subito dopo, chiama Maurizio Martina e Pietro Grasso sottolineando loro la volontà di rendere operativo il parlamento il più presto possibile.

«NO A GOVERNI CON GENTILONI O BOSCHI». «Ho il mandato della coalizione a sentire gli altri segretari sulle presidenze delle Camere». Ma, spiega, «i ragionamenti sugli organismi di garanzia sono slegati da ragionamenti sul governo». Ragionamenti a cui, tuttavia, non si sottrae: il punto di partenza è un «no a qualsiasi governo che abbia al centro Gentiloni, Boschi, Minniti». Tutto il resto è possibile. È l'esatto contrario del 'film' che vorrebbe vedere il Cav: «Un governo di centrodestra con il sostegno sui singoli temi da parte del Pd».

DI MAIO: «LA CAMERA VADA AL M5S». Il giorno dopo è arrivata anche al conferma del leader pentastellato: «Ieri, poco dopo le ore 20 ho ricevuto una telefonata da Matteo Salvini. Mi fa piacere raccontarvi cosa ci siamo detti perché voglio che tutto avvenga nella massima trasparenza», ha scritto Di Maio sul blog del M5S. Lo scambio tra i due leader, in sintesi, li ha visti riconoscersi reciprocamente la vittoria che però passa, secondo Di Maio, attraverso «l'attribuzione al MoVimento della presidenza della Camera dei Deputati» in quanto l'M5S è «la prima forza politica del Paese».

«HO RICORDATO A SALVINI CHE M5S È PRIMA FORZA POLITCA». «Ho ricordato a Salvini», si legge nel post di Di Maio, «che il MoVimento 5 Stelle è la prima forza politica del Paese, con il 32% dei voti, pari a quasi 11 milioni di italiani che ci hanno dato fiducia, e che alla Camera abbiamo il 36% dei deputati. Per noi questa volontà è sacrosanta», ha sottolineato, «e vogliamo che venga rispecchiata attraverso l'attribuzione al MoVimento della presidenza della Camera dei Deputati. Questo ci permetterà di portare avanti, a partire dall'Ufficio di Presidenza, la nostra battaglia per l'abolizione dei vitalizi e tanto altro». Anche Salvini, ha concluso Di Maio, «ha riconosciuto il nostro straordinario risultato, e io ho riconosciuto il successo elettorale ottenuto dalla Lega».

GUERINI: «UN GOVERNO CON LA DESTRA? FANTAPOLITICA». Ma questa è un'ipotesi contro cui, è costretto a prendere atto il Cav, si schierano non solo il Pd, con Lorenzo Guerini che la giudica «fantapolitica», ma anche «Matteo Salvini e Giorgia Meloni». Berlusconi cercherà di convincere i suoi alleati fino alla fine, ma sulle ipotesi di «apertura» ai Cinque stelle invece taglia corto: «Ho aperto la porta per cacciarli via». Una posizione su cui concorda anche Antonio Tajani.

Il linguaggio di Salvini, di ora in ora, sembra sottolineare soprattutto quelli che potrebbero essere i punti di convergenza con i pentastellati. Al punto che improvvisamente dalla Lega si fa sapere che Salvini ha garantito a Di Maio che «tagliare vitalizi e spese inutili sarà una nostra priorità». Un'apertura inaspettata. Che si aggiunge alla comune idea di slegare la partita delle presidenze da quella del governo. «Di ministeri si parla con il capo dello Stato, ma con le forze politiche in parlamento parliamo di temi», mette in chiaro Luigi Di Maio che di prima mattina dà il via libera alla presa di contatti. «Da oggi, in accordo con Luigi Di Maio, inizieremo le interlocuzioni con gli altri gruppi politici per le presidenze di Camera e Senato», annunciano dal blog i capigruppo designati Giulia Grillo e Danilo Toninelli.

«NON RIVENDICHIAMO LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO». Salvini d'altra parte non fa problemi di poltrone: niente presidenza del Senato («sarei onorato, ma mi ci vedete?») e nemmeno rivendica la premiership nel caso di un dialogo con Di Maio: «Non stiamo rivendicando la presidenza del Consiglio a prescindere, partiamo dai progetti: chiunque venga al governo con noi deve impegnarsi a cancellare la legge Fornero, a ridurre le tasse al 15%, a rendere l'Italia più federale e meno burocratica. Se ci sono altri suggerimenti a partire da questo presupposto siamo ben contenti di accoglierli».

SCONGIURARE IL RITORNO AL VOTO. La Lega insomma apre a un confronto sul programma con i Cinque stelle che al momento non possono rifiutare avendo, da parte loro, sostenuto la stessa posizione. Anche se l'abbraccio con la Lega non era proprio in cima ai programmi del Movimento. Il quale, a questo punto, potrebbe pensare di sistemare la questione delle nomine parlamentari, stabilendo magari un accordo con la Lega anche per le presidenze delle Commissioni, facendo un ragionamento su nuove elezioni a breve. Salvini è più netto : «Farò di tutto perché gli italiani non siano costretti ad andare a votare nei prossimi mesi e non perché ho paura». Ma un'idea su quella che potrebbe essere la direzione ce l'ha: «L'unica riforma elettorale possibile è partire da questa, inserendo il premio di maggioranza» che per il Carroccio dovrebbe essere di coalizione, per i Cinque Stelle di lista. Ettore Rosato, che alla riforma ha dato il nome, punta l'indice verso il M5s: «Con il Rosatellum alla Camera avete ottenuto 220 deputati, con la legge che proponevate voi ne avreste avuti 201. Mi sembra proprio che non abbiate titolo per lamentarvi...».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso