Salvini Maio
Trattative M5s-Lega
Salvini Maio
15 Maggio Mag 2018 2204 15 maggio 2018

Contratto di governo M5s-Lega: tempi, nomi e nodi da sciogliere

Trattative in extremis per evitare il flop. Di Maio: «Forse mercoledì chiudiamo l'accordo». Salvini: «Siamo al tratto finale». Resta l'incognita premier. E spunta una bozza anti-euro (definita «vecchia» dai partiti).

  • ...

Europa, Grandi opere, più in generale programma. Non c'è solo il nodo premiership a minacciare, prima della sua nascita, il futuro governo gialloverde. M5s e Lega vivono forse la loro giornata più critica da quando, una settimana fa, è iniziata la trattativa di governo. Il nome del premier, al momento, è affidato alla nebbia anche perché nel frattempo «nel contratto ci sono punti da dirimere», come ammette Luigi Di Maio al termine di un vertice, lontano dalla Camera e da occhi indiscreti, con Matteo Salvini (leggi la copia definitiva). Un faccia a faccia convocato nel tardo pomeriggio, proprio per tentate di smussare una tensione che rischia di essere fatale.

Una tensione che sembra perdere virulenza dopo l'incontro tra i due leader, tanto da fare annunciare a Di Maio: «Mercoledì forse riusciamo a chiudere il contratto e poi da lì si parte». Il tavolo tecnico si riunisce la mattina di martedì alla Camera e comincia dai punti, se vogliamo, meno conflittuali: università, turismo, cultura. Ad un certo punto, uno dei membri della delegazione M5s esce con un plico: è la bozza aggiornata del contratto di governo.

DIFFUSA LA BOZZA DEL CONTRATTO. Ventidue punti dei quali poco meno di dieci sottolineati in rosso. Sono quelli i temi su cui M5s e Lega non vogliono cedere il passo. E sono punti cruciali, come l'atteggiamento da tenere nei confronti dell'Ue su migranti e vincoli sul deficit, il piano di realizzazione di Grandi Opere come Tav o Pedemontana (grandi nemici del M5S fino a qualche mese fa) o il mantenimento dell'irreversibilità dell'euro. Un punto, quest'ultimo, che secondo una bozza diffusa dall'Huffington Post sarebbe stato confutato inserendo l'obiettivo di arrivare a procedure specifiche che permettano ai singoli Stati di «recuperare la propria sovranità monetaria». La bozza diffusa è «vecchia, la moneta non è in discussione», si affrettano a precisare entrambi i partiti. Ma la loro smentita non cancella la tensione tra i due partiti sull'Ue, con il Movimento a vestire i panni più europeisti e la Lega per nulla convinta dallo smussare le promesse sovraniste fatte in campagna elettorale.

IL "COMITATO DI RICONCILIAZIONE". E non frena l'attacco a testa bassa del Pd che attacca il «contratto pericoloso per lo Stato», come sottolineato in diverse note del Pd. Tra i punti inclusi nella bozza ecco inoltre il taglio alle pensioni d'oro, un ruolo forte assegnato alla Cdp (vero pallino del Movimento) e la richiesta di cancellare 250 miliardi di debito alla Bce. «È tecnicamente impossibile», attacca la Dem Maria Elena Boschi. Non ultima, nella bocca compare anche l'istituzione di un Comitato di Riconciliazione formato dai membri dei due partiti di governo e pronto a intervenire laddove le divisioni attuali si ripropongano all'interno del Consiglio dei Ministri. Da qui al prossimo weekend M5s e Lega sono chiamati a stringere in un clima europeo non certo amico e con Silvio Berlusconi che, mercoledì, sarà a Sofia al vertice della Ppe. L'impressione è che, al momento, il fallimento dell'accordo non convenga né ai gialli né ai verdi, ma in queste ore è soprattutto il primo ad esortare la seconda a non far saltare tutto con Di Maio che, in un video su Facebook, lancia quasi un ultimo appello alla Lega: «È il momento del coraggio».

E chissà che il Movimento, per salvare l'intesa, non sia pronto anche a sacrificare la premiership. «Non può essere tecnica, deve essere politica», è il refrain che filtra oggi da chi segue la trattativa e che smentisce quindi, che alla fine il capo del governo sia l'avvocato Giuseppe Conte, nome fatto ieri dal M5S al Colle. Ma se si trattasse di un premier terzo e politico la strada maestra non potrebbe che portare a Giancarlo Giorgetti, braccio destro di Salvini apprezzato anche da Fi. Ma alla fine, il vero nodo tra M5S e Lega, su premiership e programma va riassunto, come spiega una fonte autorevole che segue la trattativa, con una semplice domanda: «Chi, tra Di Maio e Salvini, dovrà comandare?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso