Sposa Bambina
14 Gennaio Gen 2017 1300 14 gennaio 2017

Storie di matrimoni precoci, la piaga che attanaglia il Libano

Nel Paese il 13% delle ragazze s'è sposata a meno di 18 anni. Colpa di povertà e mancanza di opportunità. Ma anche della scarsa sensibilizzazione. Su Lettera43.it le testimonianze di Zeina e Nour.

  • ...

da Akar (Libano)

«Quando mi sono sposata ero ancora una bambina, ricordo che ho chiesto a mio marito di portarmi dei dolci la prima notte dopo il matrimonio». Oggi Fatima ha 22 anni e racconta la sua storia a un gruppo di donne siriane, nella casa della sua vicina. Le sei ragazze sedute in cerchio sul pavimento vengono da Tal Kalakh, in Siria, a pochi chilometri oltre il confine con il Libano, e quasi tutte sono arrivate al matrimonio prima di compiere 18 anni. L’incontro, al quale Lettera43.it ha potuto assistere, è stato organizzato da Kafa, una Ong libanese, per aiutare le giovani mogli a prendere consapevolezza del matrimonio precoce e dei problemi che questo può causare nella loro vita futura.

UNA SPOSA OGNI 7 SECONDI. Secondo i dati più recenti, nel mondo ogni sette secondi si sposa una ragazza sotto i 15 anni. In Libano le statistiche sono incomplete, ma uno studio del 2015 realizzato dall’Università St. Joseph di Beirut ha rilevato che il 13% delle giovani libanesi e il 23% di quelle siriane rifugiate si sono sposate a meno di 18 anni. Prima dell'inizio della guerra in Siria, il tasso di matrimoni precoci in tutto il Medio Oriente era in declino più velocemente che in qualsiasi altra regione. Purtroppo, i dati più recenti sulla popolazione siriana rifugiata o rimasta in patria registrano una decisa e drammatica inversione di tendenza.

«CORPO NON ANCORA PRONTO PER IL PARTO». La violenza e l’incertezza economica hanno portato molte famiglie a spingere al matrimonio precoce le figlie, nella speranza di garantire loro un futuro migliore o di ottenere dai genitori del marito la dote. «Il conflitto e la povertà sono i motivi principali alla base del matrimonio precoce», dice Kharim Rania, responsabile della Ong, «il matrimonio contratto in età troppo precoce può influenzare ogni aspetto della vita futura di una ragazza. Quando una giovane si sposa quasi sempre abbandona la scuola. Per quanto riguarda la sua salute, se rimane incinta in tenera età il corpo non è ancora pronto».

Insicurezza finanziaria e mancanza di opportunità economiche ed educative sono il motore principale di questa pratica

Insicurezza finanziaria e mancanza di opportunità economiche ed educative sono il motore principale di questa pratica. Cause difficili da superare nelle aree più marginali del Libano e per il milione e mezzo di profughi siriani. Nonostante questo le organizzazioni della società civile, il governo e gruppi di donne siriane continuano a lavorare per ridurre l’incidenza del matrimonio precoce attraverso continui incontri di sensibilizzazione e formazione. Kafa tiene incontri con i profughi siriani in Libano da quattro anni e ha raggiunto oltre 1.000 donne. «Queste sessioni», dice Rania, «hanno lo scopo di accompagnare le donne a trovare la forza per impegnarsi contro il matrimonio precoce. Cerchiamo soprattutto di raggiungere i genitori, per fargli prendere coscienza dei problemi che le loro figlie dovranno affrontare se si sposano troppo giovani. Lo facciamo attraverso la condivisione delle storie personali delle giovani donne».

«RIFIUTARE NON ERA POSSIBILE». «Sono scappata dalla Siria per le mie figlie», racconta Zeina. «Mi sono sposata a 20 anni, ma la mia famiglia voleva farmi sposare molto prima. Non ho voluto perché avevo visto come era cambiata drammaticamente la vita di una mia compagna di scuola andata in moglie a 13 anni». Oggi Zeina ha 26 anni e quattro figlie, spera di trovare un lavoro per mandare le sue ragazze a scuola e tenerle lontane dal matrimonio precoce. Nour ha 18 anni ed è incinta del suo secondogenito. Ha sposato il cugino a 14 anni, dopo che suo padre era morto lasciando sua madre e i suoi sette fratelli in povertà: «Non volevo sposarmi, anche il giorno del matrimonio ho cercato di rifiutare, ma non è stato possibile. Ora mio marito è tornato in Siria e io sono rimasta sola e non so come fare».

SENZA SUPPORTO DALLA FAMIGLIA. I problemi generati dal matrimonio precoce sono di vario tipo. «Le giovani non sono pronte a diventare mogli e soprattutto madri», dice Rania, «e spesso sono obbligate a lasciare la famiglia e seguire il marito perdendo la possibilità di imparare come essere madri». Prive del necessario bagaglio di conoscenze e del supporto della rete familiare, le giovani mamme spesso commettono errori che pesano sulla salute dei loro figli. «Non sapevo che non andava messo zucchero nel latte in polvere, lo facevo per non fare piangere il neonato», racconta ad esempio Reem. «Ora un medico mi ha detto che rischia di avere problemi per tutta la vita. Ho scoperto sulla sua pelle che è difficile per una bambina crescere un figlio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso