Tecnologia 140724122752
LO STUDIO 24 Luglio Lug 2014 1226 24 luglio 2014

Lo stress può combattere i bug informatici

Quindici programmatori dotati di sensori per identificare i punti dei software più ostici.

  • ...

Un nuovo indicatore potrebbe aiutare a scoprire i bug informatici.

Scoprire i bug nei programmi prima ancora che gli sviluppatori li commettano, basandosi sui loro segnali di stress raccolti da una serie di sensori, potrebbe presto essere possibile.
Lo ha affermato uno studio Microsoft: i ricercatori hanno dotato 15 programmatori di sensori per lo stress per identificare i punti dei software più ostici e quindi maggior fonte di errore, con un tasso di successo fino all'84%. Per lo studio sono stati usati rilevatori del movimento degli occhi, sensori per l'attività elettrica della pelle e un elettroencefalografo, che hanno segnalato i momento in cui i programmatori hanno mostrato più difficoltà.
NUOVO INDICATORE. «L'esistenza di questo indicatore può offrire molte opportunità per strumenti futuri per i programmatori, per esempio può essere usato per trovare in tempo reale i punti del programma più difficoltosi, segnandoli automaticamente per una ulteriore revisione», hanno detto i ricercatori.

Correlati

Potresti esserti perso