Goletta Verde Mari 140814184051
ALLARME 14 Agosto Ago 2014 1838 14 agosto 2014

Goletta Verde: ogni 51 km di mare un punto inquinato

Legambiente: rischio multa dell'Ue.

  • ...

Serena Carpentieri, Stefano Ciafani e Giorgio Zampetti, durante la conferenza stampa di Legambiente Goletta Verde.

I mari italiani 'soffrono' di mancata depurazione, con fossi, foci di fiumi e canali che troppo spesso portano e scaricano in acqua batteri e altri inquinanti.
La denuncia, al termine dei due mesi di campagna di Goletta Verde, è di Legambiente, secondo cui anche le rassicurazioni date dal portale ufficiale sulle acque di balneazione, quello gestito dal ministero della Salute, sono spesso ottimistiche e imprecise.
IL 55% FUORI LEGGE. Su 264 campioni di acqua analizzati dal laboratorio mobile di Goletta Verde, hanno spiegato i responsabili del progetto, il 55% è risultato fuori legge per i parametri microbiologici previsti dalla normativa.
Si tratta di un punto inquinato ogni 51 chilometri di costa, con 124 campioni inquinati prelevati presso foci di fiumi, canali e scarichi sospetti, mentre sono 22 quelli relativi a spiagge affollate di turisti.
NIENTE DEPURAZIONE. La principale responsabile di questa situazione è la mancata depurazione delle acque, un problema per il 28% delle città e 12 milioni di italiani che ci è già costato due condanne da parte dell'Ue e rischia di vederci costretti a pagare una multa da 500 milioni di euro.
«Sarebbe meglio usare questi soldi per costruire i depuratori», ha spiegato Stefano Ciafani, vice presidente di Legambiente, «piuttosto che per pagare la multa. Il governo Renzi sblocchi opere utili come quelle a tutela del mare invece di ricorrere al solito lungo elenco di opere stradali e autostradali».
C'È POCA INFORMAZIONE. Anche sul fronte dell'informazione ai cittadini c'è ancora molto da fare, hanno sottolineato gli esperti di Legambiente, a partire dal 'Portale delle acque' del ministero della Salute.
«Spesso i campionamenti sono fatti lontano dai punti critici delle spiagge», ha sottolineato Serena Carpentieri, responsabile di Goletta Verde, che ha mostrato esempi concreti tratti dal sito, «in altri casi si dice che il mare è balneabile in tutta la spiaggia tranne nel punto esatto in cui c'è lo scarico, come se l'inquinamento fosse solo in quel punto. Non mancano esempi nel sito di punti non balneabili inseriti però in strisce di costa dove in teoria si può fare il bagno, e anche di dati del ministero che non coincidono con quelli dell'Arpa».
INQUINATI, MA BALNEABILI. Secondo i dati presentati, il 43% dei punti che risultano fortemente inquinati per Goletta Verde sono invece balneabili per il sito del ministero, mentre il 47% dei punti 'critici' per Legambiente non è proprio campionato.
«Nei pochi casi in cui effettivamente si riscontra anche da parte del ministero il divieto di balneazione», ha spiegato l'esperta, «mancano poi gli adeguati cartelli che avvisino i bagnanti, ne abbiamo trovati solo nel 7% dei casi. La carenza di informazione si riflette nel numero incredibile di mail che riceviamo dai cittadini, che chiedono a noi se possono fare il bagno o a chi segnalare i problemi».

Correlati

Potresti esserti perso