Sesso Robot 140818153445
STUDIO 18 Agosto Ago 2014 1537 18 agosto 2014

Sesso coi robot entro il 2025

Uno studio Usa: entro il 2025 gli androidi da letto.

  • ...

Entro il 2025, secondo il Pew research center, sarà possibile fare sesso con un robot.

I robot potrebbero presto fare il loro ingresso nelle nostre camere da letto. E infilarsi sotto le lenzuola molto prima di quanto non si potrebbe immaginare.
Fare sesso con un automa sarebbe destinato a diventare addirittura un «luogo comune», secondo il recente report statunitense del Pew Research Center intitolato Ai, Robotics and the Future of Jobs.
Il ricercatore Stowe Boyd ha infatti scritto che entro il 2025 i «partner sessuali robotizzati saranno all'ordine del giorno», anche se, con ogni probabilità, verranno considerati una «fonte di scherno».
INTERVISTE A 1.900 ESPERTI. Ma gli androidi potrebbero presto sostituirci anche in altre faccende 'comuni'.
Nel report, infatti, sono contenute 1.900 interviste a esperti del settore e il 48% dei loro è convinto che i robot sostituiranno operai e impiegati entro poco più di 10 anni. C'è da dire che il 52%, quindi la maggioranza degli studiosi interpellati, ritiene che la tecnologia abbia bisogno di più tempo per ottenere questi risultati.
SEXBOT: UN INGLESE SU CINQUE CI STAREBBE. Tornando agli automi da camera da letto, Boyd non è stato il primo a ipotizzare che un giorno il sesso con i robot potrebbe affiancare o addirittura sostituire i rapporti con un partner in carne e ossa.
Del resto, a maggio 2014, un sondaggio effettuato nel Regno Unito ha concluso che un intervistato su cinque ci 'proverebbe' volentieri, con un sexbot.
Al momento, però, un simile automa non è stato ancora costruito.

  • Il video che mostra la presentazione del robot Roxxxy.

ROXXXY INVENTATA NEL 2010. I tentativi di unire sesso e tecnologia però hanno già portato a qualche risultato.
Nel 2010, infatti, è stata costruita Roxxy. Una bambola-robot dotata di intelligenza artificiale e pelle sintetica simile al tatto a quella umana.
L'automa è stato presentato in anteprima all'AVN Expo nel 2010.
Il suo creatore è Douglas Hines, ex-ingegnere nel campo dell'intelligenza artificiale ai Bell Labs.
Roxxxy è stata sviluppata basandosi su una linea di androidi pensati per fornire compagnia agli anziani, e non è certo economica: può arrivare a costare 9 mila dollari (circa 6.700 euro), in base al modello scelto e al grado di personalizzazione desiderato.
Le opzioni sono molteplici, e oltre ad una vasta gamma di volti permettono di scegliere colore di pelle, capelli e occhi e taglia di reggiseno.
Ciò che non cambia sono dimensioni e peso: un metro e 70 di altezza, per un peso di 27 kg.

  • Il video che mostra il funzionamento di AUTOblow 2.

AUTOBLOW 2 PER LA MASTURBAZIONE. Per quanto riguarda invece la masturbazione, il dispositivo più avanzato sviluppato finora è probabilmente AUTOblow 2.
In pratica si tratta di un robot ideato per simulare perfettamente (o quasi) un rapporto orale. È in vendita a un prezzo lancio di 129 dollari (circa 97 euro), ed è disponibile in tre dimensioni a seconda della circonferenza.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso