Terra Spazio 130711203809
ALLARME 19 Agosto Ago 2014 0852 19 agosto 2014

Overshoot day, la Terra è in deficit ecologico

Finite le risorse rinnovabili del 2014.

  • ...

La Terra vista dallo spazio.

L'umanità è in deficit ecologico. Le risorse rinnovabili sono finite il 19 agosto, giorno dal quale si comincia a sopravvivere 'rubando' acqua, terra e aria alle generazioni future.
Secondo i calcoli del Global Footprint Network (il centro di ricerca che studia l’andamento dell’impronta ecologica dell’umanità, la capacità del pianeta di ricostituire le risorse e di assorbire i rifiuti, compresa la Co2) in meno di otto mesi è stato raggiunto il limite di autonomia del nostro sistema produttivo per il 2014.
DURO COLPO AL NOSTRO FUTURO. Il 19 agosto è l’overshoot day, giorno in cui siamo arrivati a prelevare più di quanto avevamo a disposizione fino a dicembre nel 'conto corrente' ambientale del pianeta. Dal 20 agosto, quindi, si andrà avanti sottraendo beni e servizi al futuro perché gli ecosistemi non sono più in grado di rigenerarli. Ciò significa sfruttamento eccessivo di piante, aria pulita, suolo fertile.
«Il problema del superamento della capacità rigenerativa sta diventando la sfida del 21esimo secolo: è sia un problema ecologico sia economico», ha detto Mathis Wackernagel, presidente del Global Footprint Network.
IN ITALIA CONSUMI QUATTRO VOLTE SUPERIORI. Come sottolineato da Repubblica, oggi l'85% della popolazione mondiale vive in Paesi che richiedono alla natura più di quanto i loro ecosistemi nazionali riescano a dare. Fra questi c'è l'Italia, dove consumiamo più di quattro volte le risorse disponibili sul nostro territorio. Peggio di noi il Giappone (sette volte di più), e gli Emirati arabi (12 volte di più).
Secondo i calcoli del Global Footprint Network, attualmente ci sarebbe bisogno di 1.5 Terre per produrre le risorse rinnovabili necessarie per sostenere l’impronta ecologica dell'umanità. In base a una proiezione prudente, si arriverà a tre pianeti prima della metà di questo secolo.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso